Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Eletti e trombati: dentro Cucchi e Casini, fuori Sgarbi e Pillon. Calenda si salva col paracadute

eletti trombati Fiano Cucchi Sgarbi Calenda
Ecco chi ha vinto e chi ha perso le sfide uninominali alla Camera e al Senato. Da Di Maio a Bonino, i grandi esclusi dal Parlamento
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il taglio dei parlamentari, il deciso mutamento dei rapporti di forza a destra e il dominio della coalizione Fratelli d’Italia-Lega-Forza Italia nei collegi uninominali ha lasciato fuori dal Parlamento molti volti noti della politica, alcuni dei quali non avranno nemmeno la chance di essere recuperati in quota proporzionale, non avendo le loro sigle superato la soglia del 3% o non essendo stati inseriti nelle liste plurinominali.

Tra gli esempi di maggiore risonanza vi è quello di Luigi Di Maio, la cui neonata formazione, Impegno Civico, alleata col Pd, si è attestata allo 0,56%. La sconfitta del ministro degli Esteri nel collegio della Camera di Napoli Fuorigrotta ha il sapore della beffa: a batterlo è stato un candidato pentastellato, l’ex ministro della Transizione Ecologica, Sergio Costa, la cui affermazione lascia a casa anche l’ex azzurra Mara Carfagna, ministro anche lei e passata ad Azione. Niente scranno nemmeno per Vincenzo Spadafora e Lucia Azzolina, tra le figure di spicco di M5s ad aver aderito alla scissione.

Fa molto rumore anche la vittoria della consigliera comunale di Fratelli d’Italia, Lavinia Mennuni, nel collegio di Roma centro per il Senato. Nella cosiddetta «circoscrizione Ztl», tradizionale bastione del centrosinistra, escono sconfitti sia Emma Bonino che Carlo Calenda, opposti in una sfida diretta dopo la rottura del loro sodalizio. Se per il capo di Azione si aprirà il paracadute del proporzionale, la storica leader radicale resterà invece fuori dal Parlamento, in quanto Più Europa non ha superato la soglia di sbarramento.

Ilaria Cucchi, dopo le sue battaglie giudiziarie per la morte del fratello Stefano, la cui vicenda aveva scosso tutta l’Italia, entra in Senato, grazie alla vittoria nel collegio uninominale Toscana (U04 – Firenze), con 208.974 voti, pari al 40,08%. Dietro Ilaria Cucchi, si posiziona Federica Picchi con 156.578 voti (30,03), candidata del centrodestra, mentre in terza posizione Azione-Italia viva con Stefania Saccardi (63.788 voti pari al 12,23%). Delusione invece per Emanuele Fiano che nel collegio di Sesto San Giovanni perde la sfida con Isabella Rauti, candidata del centrodestra. Fiano era il rappresentante della coalizione di centrosinistra che perde quindi la “Stalingrado” della Lombardia. Un dato che deve far riflettere il Partito democratico.

Pierferdinando Casini, candidato nel “fortino rosso” di Bologna, sbatte fuori dal Parlamento il critico d’arte Vittorio Sgarbi, candidato del centrodestra: per Casini 232.092 voti (40,07%), mentre Sgarbi ottiene 187.206 preferenze (32,32%). Ma il critico d’arte non è l’unico escluso eccellente a destra. Nonostante il «cappotto» della coalizione conservatrice all’uninominale, resta (per ora) senza scranno l’ex ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, battuto da Benedetto della Vedova di Più Europa nel collegio della Camera di Milano centro. Non ce la fa neanche il senatore Simone Pillon della Lega, candidato alla Camera in seconda posizione nel collegio plurinominale dell’Umbria.

Rimangono escluse dalle nuove Camere anche le formazioni che hanno cercato di cavalcare – invano – l’onda di malcontento per il green pass. La ghigliottina del 3% si è così abbattuta su Italexit, la cui deludente performance lascia fuori Gianluigi Paragone, candidato in liste plurinominali in Lombardia e Puglia. Stesso destino per l’Alternativa per l’Italia di Mario Adinolfi e Simone Di Stefano, ex leader di CasaPound. A sinistra manca l’obiettivo minimo l’Unione Popolare dell’ex sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, arenatasi sull’1,8%. La scarsa dispersione di voti a destra punisce anche Noi Moderati, rimasti sotto l’1%.

 

Ultime News

Articoli Correlati