Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Se Letta perde Verdi e Si rischia di rendere vano l’accordo con Calenda»

Intervista a Lorenzo Pregliasco, fondatore di Quorum-Youtrend: «Sarà molto difficile per Matteo Renzi, rimasto da solo al centro, raggiungere il traguardo del 3 per cento»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Lorenzo Pregliasco, fondatore di QuorumYoutrend, spiega che nella coalizione di centrosinistra «il Pd trarrà vantaggio da una sorta di effetto traino dettato anche dalla loggia del voto utile» e che sarà molto difficile per Matteo Renzi, rimasto da solo al centro, raggiungere il traguardo del 3 per cento. «Negli ultimi mesi, Italia viva è sempre stata attorno al 2,5 per cento anche nella nostra supermedia dei sondaggi – commenta – Bisogna capire se il suo restare da solo al centro porterà a un effetto di schiacciamento rispetto ai due poli principali o se invece riuscirà a recuperare una parte di voto scontento dalle due coalizione maggiori, magari quello che fa riferimento al cosiddetto “voto moderato”».

Il segretario del Pd, Enrico Letta, si trova a fare i conti con Sinistra italiana e Verdi per la presenza in coalizione di Carlo Calenda: è vero, come dicono gli stessi Letta e Calenda, che senza l’accordo tra dem e Azione il centrodestra avrebbe già vinto?

Non è che la partita si è riaperta con l’accordo tra Letta e Calenda, ma sicuramente se paragoniamo una partita tra una coalizione di centrosinistra senza Azione e +Europa contro il centrodestra e una con i due partiti alleati del Pd, la seconda ha molte chance di essere più equilibrata. Il discorso vale per alcuni collegi uninominali, ma l’alleanza favorirà i partiti anche per quanto riguarda la parte proporzionale. Di conseguenza, possiamo dire che la partita è ora un po’ più aperta, ma il vantaggio del centrodestra rimane senza dubbio importante.

A proposito di proporzionale, quanto in termini di consenso può guadagnare il Pd nel fare da partito trainante della coalizione, avendo attorno tanti partiti piccoli o piccolissimi?

Penso che l’effetto traino avvantaggerà il Pd e sarà dettato anche un po’ dalla logica del cosiddetto “voto utile” e di conseguenza mi aspetto una dinamica di questo tipo per i dem nella coalizione di centrosinistra ma anche per Fratelli d’Italia in quella di centrodestra.

Dopo le polemiche tra Sinistra italiana e Verdi, da una parte, e Pd dall’altra, cosa accadrebbe se i due partiti si staccassero dalla coalizione, magari unendosi al Movimento 5 Stelle?

In questo caso, il centrosinistra potrebbe perdere più o meno gli stessi collegi che avrebbe perso senza l’accordo con Calenda. Il rischio è infatti quello di perdere 14 collegi uninominali, di cui 9 alla Camera e 5 al Senato. Undici di questi finirebbero al centrodestra, mentre tre, tutti in Campania, andrebbero alla nuova coalizione formata da M5S, Si e Verdi.

Per settimane si è parlato di un terzo polo, che in questo momento è rappresentato dal solo Matteo Renzi: pensa che alla fine anche lui potrebbe confluire nella coalizione di centrosinistra o, in caso contrario, quante possibilità ha di raggiungere da solo il 3 per cento?

Non so quali saranno le scelte di Renzi da qui alle elezioni, ma possiamo dire che correndo da solo non sarà semplice raggiungere il traguardo del 3 per cento. Negli ultimi mesi, Italia viva è sempre stata attorno al 2,5 per cento anche nella nostra supermedia dei sondaggi. Bisogna capire se il suo restare da solo al centro porterà a un effetto di schiacciamento rispetto ai due poli principali o se invece riuscirà a recuperare una parte di voto scontento dalle due coalizione maggiori, magari quello che fa riferimento al cosiddetto “voto moderato”. Ma è chiaro che Renzi è una figura molto divisiva, polarizzante e poco amata dall’elettorato.

Come detto il centrodestra parte favorito ma Salvini ieri ha auspicato che si possa votare anche lunedì 26: crede che una bassa affluenza possa sfavorire l’una o l’altra coalizione?

Penso che una bassa affluenza favorirebbe il centrosinistra, quindi la richiesta di Salvini vada letta un po’ in questo senso: partendo da un centrodestra molto favorito il pensiero è che se si vota solo di domenica, a settembre, con una campagna elettorale così breve l’affluenza potrebbe essere più bassa. E un’affluenza più bassa, dal mio punto di vista, probabilmente premierebbe più il centrosinistra che il centrodestra.

Ultime News

Articoli Correlati