Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Trump balla da solo, addio al trattato nucleare con Mosca

Gli Usa si ritirano dall'accordo sui missili
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Alla fine Donald Trump ha mandato in soffitta un pezzo di Storia ed è caduto il sipario sull’ accordo- simbolo del disarmo nucleare che nel 1987 portò alla distruzione di 2.700 missili, Pershing americani e SS- 20 sovietici.

«La Russia è l’unica responsabile per la dismissione del trattato», ha detto il segretario di Stato Mike Pompeo, accusando Mosca di «violazioni materiali» dell’accordo, almeno a partire dalla metà degli anni 2000. Da allora, ha detto Pompeo, la Russia ha prodotto, testato e dispiegato «molteplici battaglioni di missili non aderenti» al trattato.

Ma nel giorno del “pensionamento” del Trattato Inf sul controllo e la proliferazione dei missili nucleari a medio e corto raggio, la Russia propone a sorpresa una moratoria sul dispiegamento degli armamenti atomici. L’offerta è rivolta agli Stati Uniti e alla Nato, ed è seguita da una dichiarazione ufficiale in cui si rimarca che l’accordo sottoscritto 32 anni fa a Reykjavik da Ronald Reagan e Mikhail Gorbaciov termina oggi «su iniziativa» degli Usa.

In un’intervista all’agenzia Tass, è il viceministro russo Sergej Ryabkov a proporre alle controparti «di considerare la possibilità di annunciare una moratoria sul dispiegamento di missili a raggio intermedio», pur sottolineando che Mosca non intende farsi «intimidire» dalle pressioni nel confronto sul nucleare. «Abbiamo suggerito agli Stati Uniti e agli altri membri Nato di considerare la possibilità di una moratoria sul dispiegamento di missili a raggio intermedio», ha aggiunto Ryabkov, spiegando che questa riecheggerebbe quella già annunciata tempo fa dal presidente Putin: in pratica, «se gli Usa si impegnano a non piazzare questo tipo di armamenti in certe aree del mondo, la Russia si impegnerà a fare altrettanto».

 

Ultime News

Articoli Correlati