Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Mar cinese e Polonia, il rischioso Risiko americano

La Cina rivendica il controllo di alcune isole, gli Usa: "Impediremo l'accesso"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Non bastassero le grane interne, per Donald Trump potrebbe aprirsi anche il capitolo delle tensioni geopolitiche. La minaccia arriva dalla Cina, a dir poco allertata dalle parole del Segretario di Stato designato Rex Tillerson, durante il suo discorso al Congresso: «L’accesso alle isole del Mar Cinese meridionale non dovrebbe essere consentito». «Se le parole dovessero trasformarsi in re- altà, il presidente Trump farebbe bene a prepararsi a una guerra su vasta scala» è la risposta diffusa dai media cinesi ufficiali. La disputa riguarda i territori contesi fra Cina, Giappone, Filippine e Vietnam, di cui Pechino rivendica il 90%. Oltre per le vaste risorse di idrocarburi ( secondo la Cina ci sarebbe la stessa riserva che ha l’Arabia Saudita, mentre Washington ne stima il 90% in meno) i territori interessano il governo cinese anche per le installazioni militari che ci avrebbe costruito. Qualche mese fa Washington ha mostrato immagini dall’alto in cui gli atolli e le secche in questione sono stati riempiti con sabbia e pietre dall’esercito cinese per impiantarci basi, una pista per jet, batterie antimissili e la contraerea. Per questo motivo Tillerson ha dichiarato di volerne impedire l’accesso, pur non specificando come. Tanto è bastato a scatenare le ire cinesi: «Tillerson dovrebbe approfondire le strategie sul nucleare se vuole costringere una potenza nucleare a cancellare il suo territorio» ha scritto il Global Times. Seguendo una prassi collaudata, il governo cinese ha smorzato i toni con il ministro degli esteri Qu Zhe: «Confidiamo nel mutuo rispetto e nella cooperazione», mentre i media controllati dal governo stesso hanno calcato la mano: «Se la politica americana di non interferenza dovesse cambiare, sarebbe il viatico per un devastante confronto tra Cina e Stati Uniti». Non sono solo gli Stati Uniti e i Paesi del Sud- Est asiatico a essere preoccupati per l’espansionismo cinese. Nel luglio scorso la Corte permanente dell’Onu sulla legge del mare ha decretato che Pechino «sta violando il diritto internazionale» e non ha «nessun diritto storico» per rivendicare quelle isole. Un verdetto che il governo cinese non ha mai riconosciuto. La Cina è in buona compagnia nel turbare i sonni di Donald Trump. Ieri il governo russo ha contestato le manovre militari di Washington per l’arrivo in Polonia di 3.500 soldati, 87 carri armati e 141 mezzi corazzati. Questo nuovo dispiegamento di forze, il primo che vede truppe Usa nel Paese ex Urss, è stato deciso dalla Nato in un summit dell’estate scorsa, ma il loro arrivo è stato anticipato di qualche giorno. «È una minaccia agli interessi e alla sicurezza della Russia» ha lamentato Dimitri Peskov, portavoce del presidente russo Vladimir Putin. «Il numero delle nostre truppe in Polonia è contenuto e proporzionato» ha risposto Rose Gottemoeller, vice segretario generale della Nato.

 

 

Ultime News

Articoli Correlati