Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Così Mattarella ha dato dignità istituzionale all’avvocatura

È la prima volta che un presidente della repubblica nomina l’avvocatura nel suo discorso di insediamento. Un implicito e importantissimo riconoscimento che ne sottolinea il ruolo fondamentale nell’equilibrio istituzionale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Timore, imprevedibilità, arbitrio. Sono le tre parole più vibranti che il capo dello Stato ha pronunciato ieri l’altro nel suo discorso di insediamento al Parlamento. Parole che Mattarella ha dedicato alla giustizia. Perché è quello il cuore della questione: la giustizia. Sono infatti lì, nelle nostre aule, nelle procure e nei nostri tribunali i nodi più ostinati e resistenti che devono necessariamente essere sciolti.

Di certo non vogliamo autoassegnarci il ruolo di esegeti del suo discorso, ma è un fatto che il presidente Mattarella in questi anni ci abbia abituati alla sobrietà, al rispetto sacrale delle istituzioni e dunque non dubitiamo che ogni singola parola sia stata pesata con grande cura e attenzione. Nulla di ciò che ha detto è dunque casuale. Mattarella è sempre consapevole di parlare da capo dello Stato e, quando nomina la giustizia, da presidente del Csm.

Ma c’è un altro dato che va messo in luce. È infatti la prima volta che un presidente della repubblica nomina l’avvocatura nel suo discorso di insediamento: “La Magistratura e l’Avvocatura – ha infatti detto Mattarella di fronte alle Camere riunite – sono chiamate ad assicurare che il processo riformatore si realizzi, facendo recuperare appieno prestigio e credibilità alla funzione giustizia, allineandola agli standard europei”. E anche questo riferimento non è affatto casuale: è un implicito e importantissimo riconoscimento che arriva dalla carica più alta dello Stato che sottolinea il ruolo fondamentale dell’avvocatura nell’equilibrio istituzionale.

Lasciatecelo dire: quel riferimento è una “medaglia al valore” che ogni avvocato potrà esibire nelle nostre aule. E chissà che anche questo giornale, nel suo piccolo, abbia contribuito a rovesciare la narrazione grottesca di una avvocatura considerata dalla parte sbagliata della giustizia invece che paladina del diritto e dei diritti. Grazie anche per questo, presidente Mattarella.

Ultime News

Articoli Correlati