Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Patrizio Bianchi: «Scuola riaperta e non ci sono stati disastri»

Patrizio Bianchi
Il ministro Patrizio Bianchi, commenta la riapertura della scuola, tirando le orecchie a chi diceva che ci sarebbero stati disagi dovuti al Covid
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Il famoso disastro che ci doveva essere con la riapertura della scuola» dopo la pausa di Natale «non c’è stato», ci sono stati «disagi differenziati zona per zona, ma la scuola ha riaperto e si è affermata la convinzione che la scuola è un elemento fondante, la scuola è la priorità, è un diritto». Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi intervistato da Radio24. I presidi hanno lavorato bene, ha poi aggiunto Bianchi tracciando un bilancio della prima settimana di riapertura delle scuole.

LEGGI ANCHE: Nordio: «Processo a Palamara? Bagno di sangue per la magistratura»

È in corso una «riflessione» per semplificare la certificazione del rientro a scuola degli alunni che sono stati contagiati dal Covid e hanno superato la malattia, ha spiegato il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi. «Semplificheremo», ha detto il ministro Bianchi aggiungendo che «al di là della formula con cui si rientra, è importante che il rientro ci sia stato e che si è affermato il principio che la scuola è in presenza, ed è un diritto». Tra le ipotesi, la certificazione di fine malattia rilasciata dai pediatri, come già avviene per le altre malattie.

Ultime News

Articoli Correlati