Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Papa Francesco: «Basta violenza sulle donne, è oltraggiare Dio»

È il monito di Papa Francesco durante la Messa della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio, nella ricorrenza della 55ma Giornata Mondiale della Pace
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«La Chiesa è madre, la Chiesa è donna». Lo dice papa Francesco nell’omelia della messa celebrata nella Basilica vaticana per la Solennità di Maria Santissima Madre di Dio nell’ottava di Natale e nella ricorrenza della 55ma Giornata Mondiale della Pace sul tema: Dialogo fra generazioni, educazione e lavoro: strumenti per edificare una pace duratura dice:  «C’è bisogno di gente in grado di tessere fili di comunione, che contrastino i troppi fili spinati delle divisioni». «Il nuovo anno inizia nel segno della Madre – ha detto Bergoglio – Lo sguardo materno è la via per rinascere e crescere. Le madri, le donne guardano il mondo non per sfruttarlo, ma perché abbia vita: guardando con il cuore, riescono a tenere insieme i sogni e la concretezza, evitando le derive del pragmatismo asettico e dell’astrattezza. E mentre le madri donano la vita e le donne custodiscono il mondo, diamoci da fare tutti per promuovere le madri e proteggere le donne».

E proprio sulle donne il Papa ha insistito: «Quanta violenza c’è nei confronti delle donne! Basta! Ferire una donna è oltraggiare Dio, che da una donna ha preso l’umanità. All’inizio del nuovo anno mettiamoci sotto la protezione di questa donna, la Madre di Dio che è nostra madre. Ci aiuti a custodire e meditare ogni cosa, senza temere le prove, nella gioiosa certezza che il Signore è fedele e sa trasformare le croci in risurrezioni», ha aggiunto. «Mentre le madri donano la vita e le donne custodiscono il mondo, diamoci da fare tutti per promuovere le madri e proteggere le donne», ha affermato. «Le madri, le donne guardano il mondo non per sfruttarlo, ma perché abbia vita – ha aggiunto – guardando con il cuore, riescono a tenere insieme i sogni e la concretezza, evitando le derive del pragmatismo asettico e dell’astrattezza».

Il Papa: «Impariamo dalla Madre di Dio a custodire meditando»

«Impariamo dalla Madre di Dio questo atteggiamento: custodire meditando Perché anche a noi capita di dover sostenere certi “scandali della mangiatoia”». «Ci auguriamo che tutto vada bene e poi arriva, come un fulmine a ciel sereno, un problema inaspettato. E si crea un urto doloroso tra le attese e la realtà. Capita anche nella fede, quando la gioia del Vangelo viene messa alla prova da una situazione dura in cui ci si trova a camminare. Ma oggi la Madre di Dio ci insegna a trarre beneficio da questo urto – ha spiegato Bergoglio – Ci mostra che è necessario, che è la via stretta per arrivare alla meta, la croce senza la quale non si risorge. È come un parto doloroso, che dà vita a una fede più matura». «Ma come compiere questo passaggio, come superare l’urto tra l’ideale e il reale? Facendo, appunto, come Maria – ha chiarito il pontefice – custodendo e meditando. Anzitutto Maria custodisce, cioè non disperde. Non respinge ciò che accade. Conserva nel cuore ogni cosa, tutto ciò che ha visto e sentito. Le cose belle, come quello che le aveva detto l’angelo e ciò che le avevano raccontato i pastori. Ma anche le cose difficili da accettare: il pericolo corso per essere rimasta incinta prima del matrimonio, ora l’angustia desolante della stalla dove ha partorito. Ecco che cosa fa Maria: non seleziona, ma custodisce. Accoglie, non tenta di camuffare, di truccare la vita. E poi c’è il secondo atteggiamento: custodisce meditando. Il verbo impiegato dal Vangelo evoca l’intreccio tra le cose: Maria mette a confronto esperienze diverse, trovando i fili nascosti che le legano. Nel suo cuore, nella sua preghiera compie questa operazione straordinaria: lega le cose belle e quelle brutte; non le tiene separate, ma le unisce. E così afferra il senso pieno, la prospettiva di Dio».

La povertà di Gesù è per il Papa «una bella notizia per tutti, specialmente per chi è ai margini, per i rifiutati, per chi al mondo non conta. Dio viene lì: nessuna corsia preferenziale, nemmeno una culla! Ecco la bellezza di vederlo adagiato in una mangiatoia».

Ultime News

Articoli Correlati