Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Presunzione d’innocenza, Bartoli: «Norma spropositata, cancella le notizie»

Bartoli
Il presidente dell'Ordine dei giornalisti: «La presunzione d'innocenza va salvaguardata, ma la norma è rischiosa per la democrazia e per i cittadini»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il neo presidente dell’ordine dei giornalisti, Carlo Bartoli, eletto al posto di Carlo Verna, storico cronista Rai, non approva la normativa sulla presunzione d’innocenza. In un’intervista al “Fatto Quotidiano” di Marco Travaglio, il rappresentante nazionale dei giornalisti italiani fa una distinzione tra la necessità di salvaguardare il principio d’innocenza delle persone che finiscono sotto indagine o che sono imputate e il dovere e il diritto della stampa di pubblicare notizie di interesse pubblico riguardanti inchieste giudiziarie, senza omettere nulla. «L’esigenza alla quale prova a rispondere questa nuova legge – afferma Bartoli – è assolutamente giusta e la condividiamo tutti. Va certamente salvaguardata la presunzione d’innocenza»

«Il punto è: come la si salvaguarda? È questo il vero strumento, o per salvare la presunzione di innocenza si è disposti a ridurre la possibilità di dare conto di quella che è l’attività della giustizia? Perché, al di là di ogni altra considerazione, una delle preoccupazioni di uno Stato è sicuramente quella di dimostrare ai cittadini che esercita l’azione della giustizia in maniera imparziale, senza guardare in faccia a nessuno. Il solo fatto di non poterlo raccontare, secondo me, rappresenta un grave problema» dichiara Carlo Bartoli.

Secondo Bartoli, la norma sulla presunzione d’innocenza «è spropositata», perché «le notizie rischiano di scomparire dietro questo paravento. Ma io voglio dire una cosa e la voglio dire molto chiaramente: i giornali sicuramente talvolta hanno commesso degli errori, anche gravi. Poi ciascuno paga. Ma non ci si è accorti che sono altri gli ambiti che vedono la presunzione di innocenza massacrata, a cominciare da trasmissioni televisive che non hanno alcun carattere giornalistico. Forse dovrebbero cominciare da lì, non dal limitare la fruizione di informazioni su inchieste, indagini e processi».

Presunzione d’innocenza, per Bartoli la norma è «spropositata»

«Questa norma va ben oltre, è molto rischiosa per la democrazia e per il senso che i cittadini devono avere della giustizia. Ormai la norma è in vigore. Cosa si può fare per limitare i danni adesso? L’ideale sarebbe la possibilità di ridiscutere, di rivalutare questa norma, ma nel frattempo bisogna chiedere ai magistrati di applicarla con molto buon senso. Vediamo che conseguenze pratiche avrà e poi prenderemo una decisione. Forse l’Ordine dei giornalisti avrebbe dovuto fare qualcosa prima.

A settembre scorso, convocati in Commissione Giustizia dove si stava discutendo lo schema di decreto legislativo, l’Ordine dei giornalisti e la Federazione nazionale della Stampa non si sono presentati. In questo c’è del vero. Io sono stato eletto presidente da pochi giorni, ma mi prendo la responsabilità anche per quello che non è stato fatto in precedenza. Se è stato fatto poco me ne assumo la responsabilità».

Ultime News

Articoli Correlati