Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Pavia, la protesta dei detenuti tra degrado e suicidi

Al “Torre del gallo” i reclusi sono in stato di agitazione, rientrato lo sciopero dei carrelli, ma il Garante nazionale nella sua ultima visita ha rilevato che le criticità già segnalate nel 2017 sono peggiorate
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Detenuti abbandonati a sé stessi, tre suicidi nel giro di poco tempo. Parliamo del carcere “Torre del gallo” di Pavia dove i detenuti sono in stato di agitazione. Il Garante nazionale delle persone private della libertà ha dichiarato che l’annunciato sciopero del carrello, poi rientrato, è giustificato dalle gravi criticità che ha rilevato in una visita all’Istituto proprio in questi giorni.

Il Garante: condizioni peggiori di quelle del 2017

Sottolinea il Garante nazionale che la visita di questi giorni ha trovato l’istituto in condizioni analoghe, se non peggiori, rispetto alla visita del 2017. L’impressione del Garante è stata di trovarsi davanti al rischio di un carcere abbandonato a sé stesso con carenze di personale e di gestione. Non ci sono a Pavia opportunità trattamentali e strumenti per rendere il tempo detentivo un tempo utile alla risocializzazione.

Tre suicidi in un mese nel carcere di Pavia

All’estremo degrado di alcuni padiglioni si aggiungono le carenze di personale e risorse nell’area sanitaria. Per questo il Garante ha avuto un incontro con la Procura per segnalare, tra l’altro, l’allarme sul dato inaccettabile di tre suicidi in un mese. I detenuti hanno spiegato in un documento che la protesta – ora rientrata – e che consisteva nel rifiutare il carrello del vitto carcerario, arriva dopo mesi di segnalazioni senza risposte: le celle, spiegano, sono fredde, fredde le salette, i corridoi, le sale avvocati e le sale comuni.

Piove anche nella sala colloqui

L’abbandono strutturale, spiegano, si tramuta nell’impossibilità di effettuare corsi, attività sportive e ricreative e di effettuare i colloqui con i familiari “in un ambiente accogliente e dignitoso”. Piove infatti dal tetto nel teatro (chiuso), nella palestra (chiusa), nella chiesa (chiusa), persino nella sala dei colloqui: gli incontri, spiegano i detenuti, si svolgono dunque da tempo in un corridoio. Sospesi anche i corsi, le attività ricreative: nel 2021, spiegano i detenuti, sono stati attivati corsi per 40 persone su 350. Inoltre, segnalano nel documento, non c’è stata nessuna comunicazione delle attività nelle bacheche e dunque «risulta incomprensibile il metodo di selezione dei partecipanti».

Un solo medico per 700 detenuti

C’è poi il tema della salute, manca personale sanitario: «Secondo la normativa del 2016 – si legge – dovrebbero essere in servizio 3 medici, un direttore sanitario, un vice e il medico di guardia, mentre esiste un solo medico per 700 detenuti. Noi detenuti non veniamo visitati se non per urgenze, nella maggior parte dei casi atti autolesionistici, e non si riesce mai ad andare alla visita medica segnandosi perché non ti chiamano». Questo significa stare «giorni e giorni in balia del dolore senza medicine», perché senza una visita gli infermieri non somministrano farmaci. Significano «8-10 mesi di attesa per una visita specialistica, l’oculista non è pervenuto nella struttura».

Impossibile ottenere misure alternative

Impossibile poi ottenere misure alternative o essere messi all’interno di un percorso effettivamente di riabilitazione, che sarebbe secondo l’ordinamento italiano lo scopo della pena in carcere: educatori, psicologi e psichiatri sono oberati di lavoro e riescono a incontrare un detenuto se va bene ogni sei mesi, se va male una volta ogni 8 mesi. Il risultato? «Solo un detenuto su 700 è meritevole di fruire di permessi premio, che, come cita l’ordinamento penitenziario, sono fondamentali per il reinserimento nella società di persone private della libertà per anni».

Il 62% dei detenuti a Pavia ha problemi di dipendenza

Sul carcere pesa inoltre la carenza di personale al Servizio tossicodipendenze dell’Asst: nell’istituto il 62% dei detenuti ha problemi di dipendenze ma ci sono un solo psicologo e un solo assistente sociale: «Questo fa sì che molti arrivino a fine pena senza risolvere i problemi di dipendenza che li hanno portati dentro», spiegano i detenuti. E ancora: le docce sono ammuffite o non funzionanti in alcune sezioni, mancano gli asciugacapelli, molte celle hanno solo acqua fredda (niente acqua calda per lavarsi o lavare le stoviglie), impossibilità di farsi la doccia per ore perché l’agente – spesso da solo – non può aprire il cancello che separa le celle dalle docce. Il Garante nazionale, com’è detto, ha confermato il disagio che incombe nel carcere di Pavia.

Ultime News

Articoli Correlati