Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Calenda all’attacco: «Letta è succube del Movimento Cinque Stelle»

Calenda
Il leader di Azione, Carlo Calenda, dopo il passo indietro, chiede al Pd di costruire un'alleanza politica senza la presenza del Movimento Cinque Stelle
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Conte sapeva benissimo che avrebbe dovuto correre in un territorio non particolarmente fertile per i 5S e che lì con un avversario forte rischiava di perdere. Poi, magari, avrà fatto anche altri ragionamenti, chiedete a lui». Così il leader di Azione Carlo Calenda intervistato da Repubblica, sulla vicenda della candidatura di Giuseppe Conte al collegio di Roma 1 per le suppletive della Camera. «Ritiro la mia candidatura – conferma Calenda – per me il problema non sussiste più. Non potevo accettare l’idea che un 5S calcasse i sacri Colli, che il Pd abbandoni i propri elettori a un Movimento che in quel collegio alle Comunali ha preso il 5,3 per cento. È da tre settimane che Enrico Letta ci prende in giro, dicendo che avremmo parlato. Questo modo di procedere di Enrico dimostra che non c’è nessun Ulivo 2.0 ma solo un Conte 2 riveduto è corretto».

«Chiederò al Pd e a una coalizione più larga – aggiunge Calenda – di incontrarci per decidere chi candidare, in una coalizione senza i 5Stelle. Nella Capitale i grillini hanno una storia particolare, si sono resi colpevoli di un disastro amministrativo. Non possiamo presentarci ai romani con i 5S al nostro fianco».

Quanto all’operazione Centro, Secondo il leader di Azione «l’operazione di Renzi, Toti, Brugnaro e Mastella oggettivamente molto lontana dal nostro modo di vedere la politica. Noi siamo impegnati nella costruzione di un grande movimento riformista in Italia», ma «non crediamo nè a un partito nè a un gruppo unico in Parlamento. Prima di fare alleanze, dobbiamo costruire un solido movimento liberal-democratico. Con +Europa, amministratori locali e società civile. Non solo un insieme di sigle». «Il grande centro, costruito ora e in Parlamento, non sta in piedi. Ha altri fini, come pesare di più in vista dell’elezione del Capo dello Stato», conclude.

Ultime News

Articoli Correlati