Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Cambio di sesso, Forza Italia divisa dopo la proposta di Urania Papatheu

sesso
Ronzulli e Gasparri bocciano la proposta della senatrice azzurra Urania Papatheu di istituire un fondo di 15 milioni di euro per il cambio di sesso
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Istituire un fondo da 15 milioni «per il sostegno al percorso di transizione per il cambio di sesso e per l’operazione di cambio di sesso». È la proposta della senatrice di Forza Italia Urania Papatheu, contenuta in un emendamento alla manovra. Iniziativa che ha suscitato polemiche e sconcerto, a partire dallo stesso partito azzurro che si dissocia platealmente. Prima la vice presidente del gruppo al Senato, Licia Ronzulli, poi Maurizio Gasparri parlano di «un’iniziativa a titolo assolutamente personale», certamente non di Forza Italia.

La senatrice chiede di istituire «presso il ministero della Salute un fondo con una dotazione iniziale di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024». Ma dopo l’altolà dell’associazione Pro Vita, arriva lo stop dal suo partito. Intanto il segretario dem, Enrico Letta, in videocollegamento all’Agorà dal titolo “I diritti delle persone Lgbtqi+ nell’Italia che vogliamo”, che si tiene a Bologna, rilancia la battaglia del Pd a favore dei diritti civili, a partire dalla legge Zan, affondata nell’aula di Palazzo Madama.

Letta (intanto) rilancia la battaglia sulla legge Zan

«Quanto accaduto in Senato – osserva Letta – è soltanto una tappa di una battaglia che sono sicuro arriverà a risultati positivi perché la società italiana è più avanti. È una grande battaglia europea, in una Ue che è avanzata e ci indica la strada su tanti temi». Ma sempre sul ddl Zan, si riaccende lo scontro tra la Lega e i dem. «Letta – attacca Andrea Ostellari, senatore della Lega e presidente della commissione giustizia a Palazzo Madama – non ha ancora capito che se la maggioranza del Senato ha bocciato il ddl Zan la colpa è principalmente sua. Dopo aver rifiutato per mesi il confronto proposto da Salvini e dal centrodestra e soprattutto ignorando le richieste della Santa Sede e di quanti chiedevano di modificare quel testo, ora vuole alzare nuovamente i toni».

Ultime News

Articoli Correlati