Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Abuso d’ufficio, Uggetti: «Bene la riforma, ma estendiamola a tutta la Pa»

Parla l’ex sindaco di Lodi arrestato nel 2016 e poi assolto: «Personalmente non vorrei una depenalizzazione per le ipotesi di condotta dei sindaci ma per le ipotesi di condotta negli interessi della pubblica amministrazione»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La riforma del reato d’abuso d’ufficio per i sindaci con le proposte di legge di Lega, Pd e M5S «può essere un passo in avanti» ma deve essere «un tassello di un puzzle più ampio», che includa anche funzionari, assessori e dirigenti, perché «fanno tutti parte del corpo amministrativo». Ne è convinto Simone Uggetti, l’ex sindaco di Lodi assolto in appello al processo nel quale era accusato di turbativa d’asta relativamente a un bando per la gestione di due piscine comunali. Accusa che aveva portato al suo arresto nel 2016.

«La riforma può essere un passo in avanti – dice Uggetti all’Adnkronos – ma mi chiedo se non abbia maggiore utilità a livello di sistema rafforzare le ipotesi di pena su corruzione, concussione, malversazione e peculato perché il problema dell’abuso d’ufficio, ancorché con queste correzioni che si vogliono introdurre, è la circoscrivibilità del reato, che dovrebbe essere un elemento di garanzia per tutti». Il concetto generale, osserva Uggetti, «è di essere fermi e duri quando ci sono fattispecie che evidenziano interessi personali evidenti» mentre «altra tematica è essere puniti nell’esercizio delle proprie funzioni e quando si va a perseguire l’interesse pubblico generale. Questo è il bene che va preservato».

«Personalmente – osserva ancora Uggetti – non vorrei una depenalizzazione per le ipotesi di condotta dei sindaci ma per le ipotesi di condotta negli interessi della pubblica amministrazione. Non è un tema né di casta né di protezione degli eletti ma si tratta di un elemento di sistema che deve essere efficiente e deve avere un elemento di certezza molto alto, perché se l’animus che muove il comportamento di un sindaco o funzionario è verso il pubblico, al limite ci può essere un problema di ordine amministrativo, non di ordine penale». A chi la chiama una normativa “salva-sindaci” Uggetti risponde: «La chiamerei una salva-Paese. Se nessuno poi va a fare il sindaco o lo fanno persone meno capaci questo Paese non funziona bene. Io la chiamerei piuttosto una norma di buon senso, che deve salvare il principio di responsabilità».

Ultime News

Articoli Correlati