Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Ineleggibilità non esecutiva per il presidente e per otto consiglieri del Cnf

La Corte d’Appello di Roma ha dichiarato che il provvedimento con cui il vertice della massima istituzione forense Andrea Mascherin e altri otto consiglieri nazionali erano stati dichiarati ineleggibili non è immediatamente esecutivo
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La Corte d’Appello di Roma ha dichiarato che il provvedimento con il quale il Presidente del Consiglio Nazionale Forense, Andrea Mascherin, e altri otto Consiglieri nazionali sono stati dichiarati ineleggibili non è immediatamente esecutivo, trattandosi di sentenza di accertamento di status. Solo le sentenze di condanna, infatti, per giurisprudenza costante, hanno tale efficacia.

L’ordinanza è stata depositata in data 20 maggio 2021 nell’ambito del procedimento di impugnazione avverso la decisione del Tribunale di Roma che, dapprima in via cautelare, il 13 marzo 2020 aveva sospeso gli effetti della proclamazione dei nove eletti e quindi, decidendo della causa il 25 settembre dello stesso anno, aveva dichiarato la loro ineleggibilità alla carica, con pronuncia qualificata (in motivazione) provvisoriamente esecutiva.

La discussione del merito della causa di appello è fissata per il 3 giugno.

(A. R.)

Ultime News

Articoli Correlati