Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

? Biden sorpassa Trump anche in Pennsylvania. Ma Trump non ha intenzione di cedere

Il tycoon: «Stanno cercando di rubare un'elezione, stanno cercando di truccare un'elezione, e non possiamo lasciare che accada»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Joe Biden sorpassa Donald Trump anche in Pennsylvania, uno sviluppo «drammatico e potenzialmente decisivo», ha detto John King della Cnn. Biden ha preso il comando in Pennsylvania con 5.587 voti. Complessivamente nello stato, Biden ha 3.295.304 voti, il 49,4% del totale, mentre Trump ha 3.289.717 voti, pari al 49,3%.

Ma Trump ha già annunciato di non essere disposto a concedere la vittoria al suo avversario, con un discorso che la Cnn ha definito «un tentativo corrosivo e potenzialmente pericoloso di minare le elezioni statunitensi». Trump, millantando brogli elettorali senza alcuna prova concreta, ha dichiarato che la presidenza gli veniva rubata mentre i conteggi dei voti mostravano che il suo percorso verso la vittoria si faceva sempre più difficoltoso.

In piedi sul podio della Casa Bianca, il presidente ha ripetuto «false affermazioni» secondo cui un conteggio delle schede elettorali legalmente espresse lo avrebbe dichiarato vincitore contro l’ex vicepresidente Joe Biden. Trump ha dunque confermato che, in caso di sconfitta, combatterà in tribunale,  fino a quando le elezioni non saranno decise a suo favore.

«Stanno cercando di rubare un’elezione, stanno cercando di truccare un’elezione, e non possiamo lasciare che accada», ha detto Trump in tono cupo e monotono, senza fornire prove e lasciando la stanza senza rispondere per le sue affermazioni.  Il suo messaggio è arrivato quando i nuovi conteggi hanno mostrato la riduzione del suo vantaggio in Georgia e Pennsylvania, fino al ribaltamento del risultato, con il sorpasso di Biden nelle ultime ore.

Trump ha passato gli ultimi sei mesi a condannare l’uso di schede elettorali per corrispondenza. Biden, invece, mercoledì e giovedì ha chiesto pazienza e calma durante il conteggio dei voti, spingendo Trump a rincarare la dose, con il discorso di questa notte.

Prima della sua apparizione in sala riunioni, Trump ha fatto una serie di telefonate durante la notte, cominciando a comprendere che il suo vantaggio in alcuni Stati era svanito e convinto che Biden stesse rubando la presidenza. Trincerato alla Casa Bianca, il tycoon ha inviato personalmente consiglieri sui campi di battaglia in tutto il paese nella speranza di intraprendere lotte legali in luoghi in cui i margini rimangono stretti. Ciò ha incluso i suoi due figli maggiori, che giovedì hanno espresso frustrazione per il fatto che più repubblicani non stavano sostenendo pubblicamente il presidente nella sua battaglia per fermare il conteggio dei voti.

Ma mentre molti governatori repubblicani si sono espressi in favore delle teorie di Trump, altri sono rimasti fermi, incluso il vicepresidente Mike Pence, di cui non si erano notizie da quando Trump ha dichiarato falsamente la vittoria la notte delle elezioni.

Il grido di battaglia di Trump ha spinto alcuni dei suoi fedeli sostenitori a riunirsi nei centri di tabulazione per chiedere che il conteggio venisse interrotto. In pubblico, la squadra di Trump continua a insistere sul fatto che il suo percorso verso la vittoria sia possibile e persino probabile. «Donald Trump è vivo e vegeto», ha detto ai giornalisti il ​​responsabile della campagna Bill Stepien in una teleconferenza mattutina.

Ultime News

Articoli Correlati