Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Caso Floyd, Trump ritira la Guardia nazionale: «Ma potrebbe tornare»

In migliaia in tutta Europa hanno protestato per l'assassinio dell'afroamericano a Minneapolis
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il presidente Usa, Donald Trump, ha ordinato il ritiro della Guardia Nazionale da Washington, assicurando che la situazione è ora sotto controllo dopo giorni di proteste per la morte a Minneapolis dell’afroamericano George Floyd, ucciso dalla polizia. «Ho appena ordinato alla nostra Guardia Nazionale di iniziare a ritirarsi da Washington DC ora che tutto è sotto controllo», ha twittato. «Torneranno a casa ma potranno tornare rapidamente, se necessario. Ieri sera molti meno manifestanti di quanto previsto», ha aggiunto.

Circa 5.000 truppe della Guardia Nazionale erano state chiamate a pattugliare la capitale della nazione per via delle proteste in corso a causa dell’assassinio di George Floyd, l’afroamericano morto per mano di un ufficiale di polizia a Minneapolis.

In una lettera al presidente, il sindaco di Washington Muriel Bowser ha affermato che le forze dell’ordine aggiuntive stanno “infiammando” e “aumentando le lamentele” delle persone che protestano a seguito della morte di Floyd. “I manifestanti sono stati pacifici, e ieri sera il Dipartimento di Polizia Metropolitana non ha effettuato un solo arresto. Pertanto, chiedo che ritiri tutte le forze dell’ordine e la presenza militare straordinarie da Washington”, ha scritto Bowser nella lettera, aggiungendo di aver messo fine allo stato di emergenza nella sua città in relazione alle proteste.

Trump, in risposta, ha attaccato il sindaco, affermando con un tweet venerdì che stava “combattendo” con la Guardia e avvertendo che se non avesse trattato “bene” i membri del servizio, avrebbe portato un “diverso gruppo di uomini e donne”.

Il giorno seguente, Bowser si è unito a migliaia di manifestanti per le strade della capitale della nazione sabato.”Dovremmo tutti guardare ciò che sta accadendo a Washington, perché non vogliamo che il governo federale faccia questo a nessun altro americano”, ha detto Bowser mentre passeggiava nel centro di Washington  con i manifestanti sabato.

Intanto anche in Europa in migliaia sono scesi nelle piazze per manifestare contro gli abusi della polizia, schierandosi al fianco del popolo afroamericano contro il razzismo. Da Roma a Milano, passando per Londra e Losanna, in tantissimi si sono inginocchiati, alcuni con il pungo levato al cielo, inscenando un’immagine emblematica delle proteste. Il tutto è durato 8 minuti e 46 secondi, il tempo dell’agonia vissuta da George Floyd.

Ultime News

Articoli Correlati