Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Zaia ci ricasca: “Se il virus perde forza vuol dire che è artificiale”

zaia lega segretario
Il governatore del Veneto torna complottista e parla di virus creato in laboratorio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“Se il virus perde forza vuol dire che è artificiale”.  Detta così, secca e senza appello, la dichiarazione potrebbe essere intestata a Roberto Burioni, il re dei virologi mediatici . Oppure si potrebbe pensare a Massimo Galli, primario di malattie infettive del Sacco di Milano, o al biologo Enrico Bucci – che in quanto a narcisismo, anche lui… – oppure a Ilaria Capua, perché no. Insomma, la lista è lunga. Anche se a ben vedere nessuno di loro direbbe mai una cosa del genere. E infatti l’autore è Luca Zaia. Il quale, peraltro, è il presidente di Regione che ha combattuto con più efficacia l’espandersi del virus.

Ma il governatore del Veneto non è nuovo a uscite un tantino avventate: l’ultima fu quella dei cinesi accusati di mangiare topi vivi. Dichiarazione che generò una mezza crisi diplomatica con Pechino. E del resto anche questa volta il governatore del Veneto sembra puntare dritto sulla Cina iscrivendosi nella squadra – guidata da Donald Trump e Boris Johnson – di quanti pensano che il Covid sia sfuggito da qualche laboratorio di Wuhan col preciso compito di infettare e indebolire il dissoluto occidente.

“Dico una cosa che farà arrabbiare qualcuno – ha detto chiaro e tondo Zaia versione epidemiologo – : se il virus perde forza vuol dire che è artificiale. Un virus non perde forza con questa velocità, se perde forza allora probabilmente potrebbe essere di natura artificiale. Si è scritto tanto di questo virus, se se ne va tanto velocemente secondo me c’è qualcosa di mezzo di artificiale”.

 

 

 

 “Serve il tuo plasma”. Zaia scrive ai guariti dal coronavirus

 Basta paternalismo: Zaia ricorda a tutti che non siamo popolo ma cittadini

Ultime News

Articoli Correlati