Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Dieci minuti: voci dal carcere ai tempi del Covid

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dieci minuti. Tanto dura la telefonata settimanale concessa ad ogni detenuto d’Italia per chiamare i propri cari, amici, conoscenti. Dieci minuti in cui, come sentirete in questo podcast, molti carcerati stanno denunciando le precarie condizioni sanitarie delle prigioni italiane di fronte all’arrivo del Covid-19.

Tra sovraffollamento, mancanza di mascherine e scarsa assistenza da parte del personale sanitario, la violazione dell’articolo 32 della Costituzione, quello sul diritto alla salute, appare palese. E di giorno in giorno il rischio epidemia è sempre più alto. Come se non bastasse, in alcune carceri ci sarebbero stati anche violenti pestaggi  in seguito alle rivolte scaturite dal panico per i primi contagi.

Una situazione esplosiva, per la quale persino la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, su ricorso presentato dagli avvocati di un detenuto, ha chiesto spiegazioni, ricevendo risposte “generiche” e vaghe da parte del governo.

Nel frattempo, i detenuti continuano a telefonare. Quelle che sentirete nel podcast Dieci minuti sono le loro voci. Autentiche quando i detenuti stessi hanno trovato il coraggio di denunciare pubblicamente la loro situazione. O distorte, quando il timore di ritorsioni ha avuto la meglio.

Lorem Ipsum è un collettivo di giovani giornalisti freelance, nato per offrire un giornalismo lento, alternativo a quello velocista che oggi, troppo spesso, va per la maggiore.

 

Ultime News

Articoli Correlati