Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Una class action contro il sovraffollamento nel carcere di Bari

L'iniziativa di due avvocati: «Gli spazi detentivi disponibili non consentono di garantire l'applicazione delle norme di sicurezza»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Gli spazi detentivi disponibili nel carcere di Bari non consentono allo Stato di garantire l’applicazione delle norme di sicurezza igienico-sanitaria per contenere l’emergenza coronavirus»: è questa la motivazione con la quale è stata avviata una class action per ottenere il rispetto delle misure previste per i detenuti. A farsi promotori dell’iniziativa gli avvocati baresi Luigi Paccione e Alessio Carlucci, con il patrocinio dall’associazione nessuno tocchi Caino – “Spes contra spem”. La class action – depositata l’11 aprile – è indirizzata al Presidente del Consiglio dei ministri, al ministro della Giustizia, alla Procura della Repubblica di Bari oltre che il sindaco del Comune di Bari e dell’Area Metropolitana di Bari.

Secondo i dati di via Arenula, nel penitenziario del capoluogo pugliese sono attualmente presenti 434 detenuti a fronte di 299 posti regolamentari. «Tale situazione – secondo gli avvocati Paccione e Carlucci – mette a grave rischio la salute degli operatori penitenziari e dei detenuti e fa vacillare il principio di uguaglianza dei diritti e di non discriminazione».

I promotori hanno dunque chiesto al governo di mettere in atto le procedure necessarie a consentire il rispetto delle prescrizioni governative in materia di mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro, di divieto di assembramento e di effettività delle misure igienico sanitarie a protezione della salute del personale penitenziario e dei detenuti. Il sindaco di Bari e dell’Area Metropolitana, Antonio Decaro, è stato a sua volta invitato a verificare «la sussistenza nelle mura della casa circondariale delle condizioni oggettive atte a garantire ai detenuti e al personale penitenziario l’applicazione concreta della normativa in materia di distanza di sicurezza interpersonale, di divieto di assembramento e di effettività delle misure di prevenzione igienico sanitarie». In assenza di tali misure, secondo i due avvocati, «potrà ritenersi ipotizzabile la fattispecie giuridica del torto di massa».

Ultime News

Articoli Correlati