Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Pd, euforia e polemiche. Calenda e Zanda: «Avremmo dovuto uscire dall’Aula»

Renzi rivendica la vittoria. Il tesoriere Dem contro la scelta di votare: «l’ho fatto per disciplina di partito. Ma non è mi è piaciuto vedere il mio partito accostato alla Lega, a Forza Italia e a Fratelli d’Italia»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Felice per la mozione Pd pro Tav che ho sempre sostenuto andasse votata. Se fosse passata quella 5S con astensione opposizioni la spaccatura sarebbe diventata una sfiducia politica a Conte. Ma ormai non vale più la pena parlarne».

LE CRITICHE DI CALENDA E ZANDA
Parole e musica di Carlo Calenda che, dal seggio di Bruxelles esulta per la sconfitta degli anti- Tav ma ha da critica la scelta del Pd di “aver salvato” il governo. Una linea sposata prima di tutto dall’ex segretario Matteo Renzi e fatta propria anche dal suo successore, Nicola Zingaretti. Insomma, anche nel giorno della “vittoria”, nel Pd non c’è pace.

E a rilanciare la polemica ci ha pensato il tesoriere dem Luigi Zanda che, un minuto dopo la conclusione del voto, ha attaccato: «Sono a favore della Tav ma ho votato per disciplina del gruppo, perché politicamente sarebbe stato molto più utile uscire dall’Aula».

E ancora: «Uscire poteva aiutare a fare emergere con più forza l’incompatibilità ormai conclamata tra Lega e M5s: c’erano ministri della Lega da una parte e M5s dall’altra. Ma sarebbe stato utile uscire anche per noi perché non mi è piaciuto vedere il voto Pd accostato a Lega, Fi e Fdi».

Ma c’è una parte dei dem che prova a guardare avanti e superare le divisioni interne.

IL SEGRETARIO ZINGARETTI
A cominciare dal segretario Nicola Zingaretti «Il governo Conte non ha la maggioranza. I litigi di questi giorni e le passeggiate in spiaggia volevano nascondere la verità. Conte deve recarsi al Quirinale e deve riferire che non ha una maggioranza».

«La verità è che hanno portato il Paese sul lastrico – ha concluso – e che non sanno come uscirne. In questi tredici mesi hanno dilapidato un enorme patrimonio, ci sono tanti debiti e non ci saranno i soldi per le misure di cui il Paese ha bisogno».

Infine Matteo Renzi, che prima attacca i colleghi dem che avrebbero voluto uscire dall’Aula del Senato e poi fa una “proposta indecente” al Movimento 5Stelle: «Oggi abbiamo votato a favore della Tav. Noi pensiamo al Paese e dunque siamo per il Sì». «Divertente la strategia di alcuni statisti nostrani, a cominciare da Di Battista e qualche dem: Pd doveva votare contro la Tav, così Salvini si sarebbe arrabbiatò. Facciamo una cosa… I 5S vogliono davvero la crisi? Che votino la mozione di sfiducia a Salvini del 12/ 9: dai rubli ai 49milioni, le ragioni non mancano. Vogliono mandare a casa il Governo? Facciamolo sui soldi alla Lega, non sulla Tav. I 5S avranno coraggio o resteranno abbarbicati alla poltrona?».

 

Ultime News

Articoli Correlati