Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Nasrin socia onoraria della Camera penale di Roma

La tessera di socia onoraria realizzata dalla Camera penale di Roma per Nasrin Sotoudeh
L’avvocata iraniana è stata condannata dai giudici di Teheran a 148 scudisciate. Motivo: ha fatto il proprio mestiere. Ecco perché gli avvocati della Capitale si sono mobilitati in suo sostegno: con una manifestazione davanti all’ambasciata dell’Iran e accogliendola “ad honorem” nella loro associazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

di Giuseppe Belcastro*

Nasrin Sotoudeh è un’avvocata iraniana che ogni giorno combatte con tenacia e passione per difendere i diritti dei più deboli, le donne, i bambini. Ogni giorno fronteggia a testa alta le insidie di un sistema che vorrebbe piegarla. È una paladina dei diritti umani che nel 2012 ha ricevuto dal Parlamento europeo il premio Sakharov per la libertà di pensiero. Ma è salita alla ribalta delle cronache giudiziarie per via della sua storia processuale, una storia che ha colpito il mondo intero, suscitando indignazione e proteste.

Dei sette capi di accusa che le sono stati contestati a far data dal 2016 davanti al Tribunale rivoluzionario di Teheran, ben quattro hanno a che fare con la sua opposizione a vestire il velo: “Incitamento alla corruzione e alla prostituzione”, “impegnarsi apertamente in atti peccaminosi… apparire in pubblico senza un hijab”, “irrompere l’ordine pubblico” e “disturbare l’opinione pubblica”. I rimanenti tre (la “formazione di un gruppo con lo scopo di interrompere la sicurezza nazionale”, “diffusione di propaganda contro il sistema” e “raccolta e collusione per commettere crimini contro la sicurezza nazionale”) originano da attività svolte nell’esercizio della funzione professionale e includono l’appartenenza a gruppi per i diritti umani, come il Centro per difensori dei diritti umani e la Campagna Step by Step per l’abolizione della pena di morte.

I processi che hanno prodotto le condanne, nel settembre 2016 e nel dicembre 2018, si sono celebrati in sua assenza; addirittura, nel 2016 le è stato impedito di accedere all’aula ove il processo veniva celebrato. In questo modo Nasrin Sotoudeh è stata condannata alla pena disumana di 148 frustate e 38 anni di carcere; per questo le vengono impediti i contatti con i suoi familiari; per questo le è stato impedito un processo equo.

La Camera Penale di Roma, associazione degli avvocati penalisti della Capitale, che ha tra i suoi scopi quello la tutela dei diritti fondamentali, dei diritti civili e della dignità personale dell’imputato e del condannato, non può tacere di fronte a un simile accadimento, non solo perché la pena inflitta è di per sé inumana (è difficile immaginare che si possa sopravvivere a 148 frustate), ma anche perché la condanna è il risultato della criminalizzazione della funzione dell’avvocato, quale difensore dei diritti di tutti e in specie dei più deboli.

Ed è per questo che proprio la Camera penale, su proposta della sua commissione Carcere, ha promosso una manifestazione di solidarietà nei confronti della collega iraniana, che si è tenuta stamattina davanti all’ambasciata della Repubblica Islamica dell’Iran ed alla quale gli avvocati penalisti romani sono intervenuti vestendo orgogliosamente la Toga con un fregio rosso in onore di Nasrin.

Ed è sempre per questo che il Consiglio direttivo ha deciso di conferire a Nasrin Sotoudeh la tessera di socio onorario. Nasrin Sotoudeh è un avvocato come noi, da oggi anche nostra socia, e noi non intendiamo abbandonarla.

*consigliere della Camera penale di Roma

Ultime News

Articoli Correlati