Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Sea Watch, blitz di tre deputati: «Fateli sbarcare». La replica di Salvini: «Siete dei fuorilegge»

Nicola Fratoianni (Sinistra italiana), Stefania Prestigiacomo (Forza Italia) e Riccardo Magi (+Europa) violano il veto del Viminale e salgono sulla nave con a bordo 47 migranti (e 13 minori)
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Una piccola azione di “disobbedienza” nei confronti del veto del Viminale, che farebbe poco notizia se fosse stata compiuta da qualche associazione umanitaria.

Il fatto è che a sfidare Matteo Salvini stavolta ci sono tre parlamentari della repubblica italiana: Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra italiana, Stefania Prestigiacomo (Forza Italia) e Riccardo Magi (+Europa) accompagnati dal sindaco di Siracusa Francesco Italia, da un avvocato e da uno piscologo. All’alba hanno affittato un gommone, hanno eluso la sorveglianza della capitaneria di porto e infine hanno raggiunto la Sea Watch 3, l’imbarcazione che si trova a un miglio dalle coste siciliane nella rada di Sabta Panagia e trasporta i 47 migranti soccorsi in mare 9 giorni fa. Tra i migranti anche 13 minori, di cui 8 non accompagnati.

“Chiediamo il rispetto delle norme internazionali -in rispetto delle quali ai naufraghi e all’equipaggio deve essere consentito di scendere a terra”, denuncia Fratoianni, mentre Prestigiacomo accusa il governo di trasformare la questione migranti “in un show mediatico e un’esibizione di forza che mette a rischio delle vite umane.”

 

Non si è fatta attendere la replica di Matteo Salvini che definisce “fuorilegge” i tre parlamentari e attacca il comandante e l’equipaggio della Sea Watch 3 che a suo avviso userebbe i migranti per una battaglia politica contro il governo: “Nonostante i divieti alcuni parlamentari italiani non rispettano la legge e favoriscono l’immigrazione clandestina. Mi spiace per loro, buon viaggio!”, scrive il ministro dell’interno e vicepremier.

Intanto inizia a diventare virale sui socialnetactionwork  l’hashtag #facciamoliscendere lanciato da un gruppo di associazioni umanitarie tra cui ActionAid” presente a Siracusa con decine di attivisti e che chiede l’immediato sbarco dei migranti prima che la situazione non diventi gravissima.

Ultime News

Articoli Correlati