Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

#Romadicebasta, migliaia in piazza contro Virginia Raggi

In Campidoglio la manifestazione dei cittadini contro la sindaca, tanti cartelli e nessun simbolo di partito
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Finisce con un sit in che deborda lungo le scalinate che arrivano in Piazza Venezia, la settimana horribilis di Roma. Dopo il tragico omicidio a San Lorenzo di Desirée Mariottini, il crollo della scala mobile nella metro Repubblica con 25 feriti e i tanti guai della Capitale – dall’immondizia al degrado dei parchi, fino al trasporto pubblico sempre più congestionato – i romani hanno organizzato una manifestazione pacifica di protesta contro la sindaca pentastellata, eletta poco più di due anni fa col 70% delle preferenze al ballottaggio.

Dietro l’organizzazione le “sei cattive ragazze” (come si sono ribattezzate su facebook) Emma, Francesca, Martina, Roberta, Tatiana, Valeria, che attraverso i social e video del disastro cittadino sono riuscite a mobilitare una piazza fatta di persone comuni, cittadini dai quartieri e nessun simbolo di partito. Tanti cartelli ironici: da “Raggi, una buca vi inghiottirà” a “Roma (pulita) o morte”, ma nessuna bandiera e nessun palco, solo un microfono dal quale si sono alternati gli interventi.

Una conclusione di settimana amara, per Virginia. Ormai la sindaca è sotto assedio: da un lato I leghisti alle porte guidati dal vicepremier Salvini che ormai ha più che una mezza idea di trasformare la Capitale nel successo definitivo della Lega; dall’altra la Procura di Roma. Il 10 novembre è attesa la sentenza nel suo processo per falso e la condanna sembra scontata.

Raggi aveva detto che, se condannata in primo grado, avrebbe rispettato il rigido statuto 5 Stelle e si sarebbe dimessa, ma voci in Campidoglio dicono che la sindaca potrebbe provare a resistere autosospendendosi dal Movimento.

Il messaggio della piazza, però, è chiaro. Rimane da verificare, alla prova dei fatti, quale futuro aspetta la città, ormai sfinita da se stessa e dai suoi tanti mali non curati, che oggi dimostra di sentirsi tradita anche dal cambiamento pentastellato.

Ultime News

Articoli Correlati