Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

4,35 di notte: è pronta la lista del Pd. Orlando lascia la direzione. Renzi: “Esperienza devastante”

Trattativa fiume al Nazareno. Alla fine il ministro lascia la sala insieme a Cuperlo ed Emiliano
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Sono le 4,35 del mattino quando la direzione del Pd approva la lista dei candidati. Ma Cuperlo, il ministo Orlando e il governatore Emiliano non partecipano al voto. E Renzi parla di “esperienza devastante”.

Tutto era iniziato con un primo rinvio: la direzione era prima slittata dalle 16 alle 20. Poi alla 22,30  e infine all’una di notte. Di lì in poi è iniziato un lungo braccio di ferro con Orlando che chiedeva 20 uomini in lista ricevendo solo 15.  “Dopo ore di attesa e una successione di rinvii non abbiamo ricevuto alcun elenco e informazioni di merito sulla proposta”, hanno spiegato nella notte Andrea Orlando, Michele Emiliano e Gianni Cuperlo.

Alla fine è stato Lorenzo Guerini a elencare i candidati principali. Tra i tanti, Renzi, oltre al collegio Senato di Firenze, correà in Campania e Umbria, Gentiloni a Roma nel collegio e nei listini nelle Marche e in Sicilia, la Boschi nel collegio di Bolzano. Tra le new entry, il portavoce del premier Filippo Sensi, Lucia Annibali (a Parma), Tommaso Nannicini e Giuliano da Empoli. Nel collegio uninominale di Roma 2 sarà candidata il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, mentre il ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, andrà a Siena. In Toscana, a Pisa, è candidata anche la ministra  dell’Istruzione, Valeria Fedeli. Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, è candidato a Pesaro.

“Una delle esperienze peggiori, una delle esperienze più devastanti dal punto di vista personale”, ha ammesso Matteo Renzi al termine della nottata.

Ultime News

Articoli Correlati