Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La manfrina politica sull'Italicum

Il corsivo
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Nel Parlamento di questa triste epoca politica avvengono cose talmente insensate di cui si discute, anche sui giornali, come se fossero argomenti seri e veri. L'ultima sciocchezza è di questi giorni: la Camera ha discusso alcune mozioni che chiedevano una revisione della legge elettorale, l'Italicum. Ma il Parlamento fa e modifica le leggi, non si capisce a chi si rivolge: a se stesso? L'auspicio per una modifica di una legge la esprime un consiglio comunale, un partito, un'associazione politico-culturale, un giornale, non la Camera! Perché la Camera è deputata a farle, le leggi. Questa manfrina l'hanno iniziata i genii politici di Sel e di Sinistra Italiana, e via via tutti gli altri gruppi, fino alla mozione del PD che alla Camera dispone di una larga maggioranza: ridicolo. E non capisco perché la Presidente della Camera abbia consentito queste sceneggiate.Abbiamo letto che i grillini propongono di tornare al proporzionale e alle preferenze, come nella Prima Repubblica, dopo avere detto che l'Italicum non si tocca. Si tratta di una mossa tattica per fare ammuina: non fare niente e lasciare le cose come stanno. Ma, in tutta questa farsa, chi ha le maggiori responsabilità è il PD, è il Presidente del Consiglio. Il gruppo di questo partito ha votato una mozione che dice e non dice, che dichiara la disponibilità a cambiare la legge senza dire come. E ancora oggi il Premier afferma, leggo da L'Unità: "L'Italicum? Ok a modifiche, ma decida il Parlamento". Ha scoperto l'acqua calda: che decide il Parlamento non c'è bisogno che lo dica lui, lo impone la Costituzione. Ma proprio in questo Parlamento il Governo ottenne la fiducia sull'Italicum. Se tutto è ok (ormai parla così anche chi governa), i capigruppo PD presentino un testo di legge. Tutto però dovrebbe avvenire prima del referendum. Ho già detto che se Renzi crede di essere il più furbo di tutti, e attraverso questi giochetti rinviare tutto a dopo il referendum, si ricordi che gran parte degli italiani hanno capito e non tollerano più proprio queste furbizie.

Ultime News

Articoli Correlati