Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Foto dei colpevoli in “mostra”, i penalisti romani: «Si torna alla gogna di piazza»

magistratura
La Camera penale di Roma si unisce a quella di Livorno per stigmatizzare l'evento organizzato dal tribunale toscano sul tema del femminicidio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Anche la Camera penale di Roma si unisce alle critiche sorte intorno all’iniziativa del Tribunale di Livorno, che con il patrocinio della Camera Civile di Livorno e del Comitato Pari Opportunità del Consiglio dell’Ordine locale, ha organizzato presso il Palazzo di Giustizia una «singolare» mostra dal titolo “Padroni-Il dis/valore delle donne”, nell’ambito della quale sono state esposte nell’atrio del palazzo i volti di dieci uomini condannati per femminicidio, con tanto di indicazione dei nomi, del luogo e del tempo di commissione del delitto, e dell’arma utilizzata per compierlo.

Un’iniziativa che secondo il leader dei penalisti Gian Domenico Caiazza, come ricordano i penalisti, non può che ritenersi “raccapricciante, mostruosa, grave e vergognosa”. E in merito alla quale ha già preso posizione la Camera Penale di Livorno, a cui ora si uniscono i penalisti romani con una nota diffusa dal direttivo. «Ferma restando la preoccupazione che taluni fenomeni criminali destano e che difatti il legislatore ha affrontato con significativi interventi tesi ad inasprirne il trattamento sanzionatorio prevedendo anche misure di contenimento cautelare atte a scongiurarne la realizzazione – scrivono i penalisti di Roma -, continuiamo a ritenere che un condannato, anche se resosi responsabile del più nefando delitto, mantenga quantomeno l’elementare diritto di espiare la pena senza divenire emblematico “simbolo” della propria devianza».

Leggi anche: Foto dei colpevoli esposte, minuti di silenzio chiesti dal pm: il processo diventa “crociata”

«Perché ad una pena – prosegue la nota – che dovrebbe sempre essere ispirata alla rieducazione del reo, non se ne aggiunga altra. Perché i processi vanno celebrati soltanto nelle aule di giustizia. Perché esiste l’emenda e la resipiscenza. Perché la pena scontata può anche rappresentare occasione di oblio. Perché desideriamo soprattutto che in un paese civile scenari da medioevo non abbiano a ripetersi. Esisteva, ricordiamo a noi stessi, la gogna pubblica, spesso i condannati venivano esibiti in piazza, prima dileggiati e quindi esposti, qualunque ne fosse stata la sorte, quale monito e a fini di prevenzione».

E concludono: «Crediamo fermamente che tali iniziative, che critichiamo anche noi con fermezza, non appartengano ai valori che dovrebbero ispirare sia l’esercizio della giurisdizione, sia l’espiazione della pena, sia e soprattutto un’adeguata informazione. Perché si traducono, all’evidenza, in un’inammissibile violazione dei principi sanciti dalla Carta Costituzionale e in un altrettanto inaccettabile ritorno ad un passato privo di garanzie».

Ultime News

Articoli Correlati