Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Renzi: «Quel magistrato che se ne frega dell’ordine della Cassazione»

Renzi
Nel nuovo libro di Matteo Renzi, la singolare storia delle intercettazioni di Carrai che dovevano essere distrutte ma che finirono in Parlamento...
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Anteprima del nuovo aggiornamento del libro di Matteo Renzi: “il mostro”.

*** Nell’ultima decisione ( in merito alla vicenda Open, ndr) la Corte di Cassazione giudica illegittimo il sequestro del telefonino di Marco Carrai e ordina alla procura di Firenze di distruggere ( tecnicamente: non trattenere) il materiale ivi contenuto. La decisione della Suprema Corte è datata 18 febbraio 2022. E cosa fa il pm Turco? Nel marzo del 2022 scrive al Copasir che aveva richiesto gli atti alla procura. E scrive testualmente: «Rappresento che l’annotazione gdf 17/ 2/ 22 prot. 54737 contiene, tra l’altro, l’esito delle analisi dei reperti informatici sequestrati all’imputato Carrai Marco. Sennonché, in data 18/ 2/ 22, la Suprema Corte ha annullato tale sequestro, con la conseguenza che le informazioni contenute in tale annotazione sono processualmente inutilizzabili. A fronte di tale annullamento, considerate le finalità istituzionali del Comitato, non condizionato da regole processuali, ritengo comunque doveroso trasmettere anche le sopra indicate annotazioni unitamente alla copia forense del materiale sequestrato al predetto Carrai. Firmato: Il procuratore della Repubblica, Luca Turco, aggiunto».

Fermi tutti. Qui c’è una sentenza della Corte che dice a un magistrato: quel sequestro non è legittimo.

Non dovevi farlo. Distruggi.

Un sequestro il cui contenuto riempie per tre settimane i giornali, un sequestro che tra l’altro contiene mille informazioni che riempiono i talk show e che non sarebbero mai dovute uscire, una gigantesca violazione della privacy.

E questo magistrato che cosa fa? Non dice: scusate, ho sbagliato, mi cospargo il capo di cenere.

Dice che anche se il sequestro è illegittimo, trattiene il materiale e lo fa ulteriormente girare, inviandolo al Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica.

Cioè, noi viviamo in un Paese in cui un inquirente ti prende il telefonino. Lo analizza per mesi. Il materiale esce sulla stampa e tutti si sentono autorizzati a commentare informazioni che sarebbero coperte da segreto istruttorio e da privacy. E fin qui: bene. Anzi, male. Ma da anni in Italia si fa così. Cosa succede però subito dopo?

La Corte di Cassazione smonta l’operato del pm. E il pm anziché eseguire l’ordine della Corte di Cassazione trattiene il materiale e lo gira a un soggetto terzo che peraltro è fuori dalla dinamica processuale. Siamo oltre l’anarchia. Ti prendono il telefonino. Non ne hanno diritto. Lo spulciano e tutto ciò che c’è dentro finisce sui giornali. È tutto illegale. Ma come se non bastasse: arriva la Cassazione, intima al pm di restituire il telefono e distruggere i danni. E che fa il pm? Semplice, se ne frega. E manda tutto il materiale al Parlamento. Amici, questo è semplicemente folle.

Chi ha già letto il libro ricorderà come io abbia scelto di denunciare i magistrati fiorentini. E di come lo abbia detto chiaro e tondo, in faccia: non mi fido di voi. Bene. La denuncia è semplice: io accuso gli inquirenti fiorentini di non aver rispettato alcuni articoli del codice penale e la Legge 140/ 2003. La reazione dei colleghi genovesi è encomiabile: nel giro di qualche gior- no leggono tutte le mie carte e decidono di chiedere l’archiviazione dei pm fiorentini, archiviazione che verrà ufficializzata nel giro di qualche settimana. Io ritengo che la violazione di legge fosse macroscopica, ben più grave dei presunti vizi formali che ci vengono contestati nel maxi processo Open. Ma non posso che rispettare la sentenza di archiviazione perché questo è ciò che deve fare un qualsiasi cittadino, a maggior ragione se rappresentante di un’istituzione, in questo caso il Senato della Repubblica. Quello che non mi torna è una frase del procuratore Pinto, allora facente funzioni di Genova, che, rispondendo a una domanda dei giornalisti circa la straordinaria velocità con cui viene definita l’archiviazione, spiega: «C’è una circolare del csm che dice che i procedimenti sui magistrati debbano avere una rapida e prioritaria definizione per evitare che restino nel limbo. Non è privilegio ma è per evitare che vengano delegittimati. È un dovere imposto da una circolare csm, non è una questione di arroganza».

Allora, riformuliamo il ragionamento. Visto che si deve andare di fretta per evitare di lasciare nel limbo il procuratore, c’è un giudice a Genova che ritiene che sia giusto che Turco possa ignorare la sentenza della Cassazione e trasmettere un atto al Parlamento pur sapendo che quell’atto è stato acquisito in modo illegittimo e che va distrutto? Se trovate un magistrato che dice che questa scelta è regolare, fatemelo sapere.

Se la Cassazione ordina una cosa a un pm e il pm non la esegue per me siamo oltre lo stato di diritto.

Chi è la pm che deve indagare sull’eventuale violazione di Turco? Una collega genovese nota ai più per essere la pm di un’altra scandalosa vicenda, quella dello yacht di Briatore. Yacht sequestrato e venduto un mese prima della sentenza di assoluzione di Briatore. Non solo Briatore aveva ragione e quella pm torto: ma lo stato dovrà pagare i danni a Briatore.

Una pessima pagina per la credibilità del nostro sistema giudiziario. Ed è la stessa PM che oggi ha in mano la decisione sulla vicenda Turco- Copasir.  (Pubblicato per Piemme da Mondadori Libri S. p. A. © ? 2022 Mondadori Libri S. p. A., Milano)

 

 L’Anm replica a Renzi: «Vuole delegittimare i magistrati, ora basta»

Ultime News

Articoli Correlati