Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Stella a 5 punte e minacce contro La Russa in sede Fratelli d’Italia a Roma

Giorgia Meloni ha espresso solidarietà a Ignazio La Russa, aggiungendo: «Qualcuno rinfocola il clima d'odio»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Una stella a cinque punte e una scritta contro Ignazio La Russa è comparsa sulla serranda della sede di Fratelli d’Italia, nel quartiere Garbatella a Roma.  “La Russa Garbatella ti schifa” si legge sulle serrande della sede con la firma Antifa preceduta dalla stella a cinque punte. Sull’altra entrata altri insulti al neo presidente del Senato.

Immediata la reazione di Giorgia Meloni sulla sua pagina Facebook ha scritto: «Le prime parole di Ignazio La Russa come Presidente del Senato sono state quelle di un uomo che conosce bene il peso delle Istituzioni e che farà di tutto per rappresentare con imparzialità e autorevolezza la seconda carica dello Stato. Eppure diversi esponenti politici hanno deciso di renderlo un bersaglio, come persona e per le sue idee, rinfocolando un clima d’odio, già ben alimentato durante una campagna elettorale costruita sulla demonizzazione dell’avversario politico. E così, accade che in una sede di Fratelli d’Italia compaia una scritta contro di lui, firmata con la stella a 5 punte, chiaro riferimento ad anni drammatici che non vogliamo rivivere».

Sul caso è intervenuto anche Matteo Renzi, incontrando i giornalisti a Firenze: «Massima solidarietà al presidente del Senato per le scritte minacciose nel quartiere Garbatella, peraltro nello stesso quartiere in cui sono comparse la scorsa settimana minacce a me».

Per Luca Ciriani, capogruppo di Fratelli d’Italia al Senato, La Russa è «vittima di un’inquietante minaccia, che rimanda a una simbologia, quella delle Brigate Rosse, che riporta alla memoria un triste passato per l’Italia. Il clima di scontro e di contrapposizione va definitivamente messo alle spalle. E in questo senso il discorso e le parole del presidente La Russa siano da esempio».

Secondo Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia quelle  minacce sono «molto preoccupanti e non vanno in alcun modo sottovalutate. L’Italia ha bisogno di pacificazione, il Paese può affrontare la difficile situazione economica attraverso la reciproca collaborazione e un rinnovato e rafforzato senso delle istituzioni. Auspichiamo che questo episodio resti isolato e che non si alimenti in alcun modo un clima di tensione che riporterebbe ad anni bui del passato. Al Presidente La Russa la mia vicinanza e la solidarietà dei senatori di Forza Italia».

E su Twitter il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani, ribadisce: «Le minacce firmate Br contro il presidente del Senato rappresentano un pericoloso segnale di una nuova possibile campagna d’odio che va fermata immediatamente. Sono solidale con Ignazio La Russa».

Ultime News

Articoli Correlati