Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La rappresaglia russa: pioggia di missili in Ucraina, colpita anche Kiev

Esplosioni a Dnipro e Zaporizhzhia. La Croce rossa sospende le operazioni per motivi di sicurezza
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Forti esplosioni si sono verificate il 10 ottobre 2022 a Kiev. Lo riferisce il Kiev Independent parlando di almeno quattro deflagrazioni. Alte colonne di fumo sono state viste nel centro della città, anche vicino l’ufficio del presidente Zelensky, secondo quanto scrive Ria Novosti. Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko ha confermato che nella capitale ucraina si sono verificate diverse esplosioni. Sul suo canale Telegram il primo cittadino ha detto che si sono verificate «diverse esplosioni nel distretto di Shevchenkiv, nel centro della capitale. Tutti i servizi sono stati attivati». Si registrano vittime e feriti.

C’è un «allarme aereo in tutta l’Ucraina» e non solo a Kiev a Dnipro, colpite nelle ultime ore. Lo ha scritto su Facebook il presidente ucraino Volodymyr Zekensky nel «229esimo giorno di guerra totale», denunciando «missili che ci stanno colpendo».

Pioggia di missili su Zaporizhzhia

Un nuovo raid aereo ha colpito nella notte la città di Zaporizhzhia, nel sud-est dell’Ucraina, distruggendo un palazzo residenziale a più piani. A riferire dell’ultimo attacco russo contro la città è il governatore regionale Oleksandr Starukh, che sul suo account ufficiale di Telegram ha spiegato che l’attacco è avvenuto alle 3 di questa mattina.

Il responsabile dell’amministrazione di Zaporizhzhia, Anatoly Kurtev, in un altro post su Telegram ha aggiunto che le forze russe «hanno colpito di nuovo le infrastrutture residenziali della città». Sono almeno 43 le persone uccise nei bombardamenti russi sferrati in settimana su Zaporizhzhia. Lo ha detto il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky. L’ultimo bilancio parla di 14 morti nel fine della settimana.

La Croce rossa sospende le operazioni per motivi di sicurezza

La Croce Rossa ha anunciato che sospende le operazioni in Ucraina per motivi di sicurezza. Lo ha riferito all’agenzia Reuters un portavoce del Comitato internazionale dell’organizzazione. Sempre oggi, giornata in cui è piovuta una pioggia di missili russi in varie città ucraine, anche il Norwegian Refugee Council ha fatto sapere di aver interrotto le operazioni di aiuto che riprenderà quando la situazione sarà più sicura.

 Lukashenko: “Nato e Unione Europea pronte ad attaccare Russia e Bielorussia”

 Giorgia Meloni: “I missili di Putin sull’Ucraina isolano la Russia dal resto del mondo”

 Kuleba e Zelensky: «Putin terrorista, vuole distruggere l’Ucraina»

 Peskov: «L’Europa pagherà lo stop al gas russo per i prossimi 10-20 anni»

Ultime News

Articoli Correlati