Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Dress code imposto alle studentesse, assolto l’ex giudice Bellomo

Francesco Bellomo, ex giudice del Consiglio di Stato
L’ex consigliere di Stato era accusato di stalking e violenza privata, assolto anche il pm Davide Nalin. Il difensore Migliucci: "E' la fine di un incubo"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

L’ex giudice del Consiglio di Stato Francesco Bellomo è stato prosciolto dalle accuse di stalking e violenza privata nei confronti di tre borsiste della scuola per magistrati “Diritto e scienza”. La decisione è stata presa dal giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Bergamo, Vito Di Vita.

La Procura aveva chiesto il rinvio a giudizio: secondo l’accusa l’uomo, 52 anni, sospeso da cinque dalla magistratura, esercitò pressioni, imponendo, fra l’altro, rigide regole sull’abbigliamento. I suoi legali, gli avvocati Gianluca D’Oria e Beniamino Migliucci, avevano insistito per il non luogo a procedere. Il procedimento era stato trasferito a inizio 2021 a Bergamo per competenza territoriale, in quanto la prima parte offesa vive in città.

Il giudice, dunque, ha accolto la richiesta della difesa e prosciolto Bellomo «perché il fatto non sussiste» per quanto concerne tre parti offese — anche rispetto a un episodio prescritto — e rimandato gli atti invece a Massa Carrara, di nuovo per competenza territoriale, su una quarta allieva. In quest’ultimo caso, per il quale Bellomo rispondeva solo di violenza privata, il reato è stato derubricato in un tentativo. «È la fine di un incubo», ha sintetizzato l’avvocato Migliucci al Corriere della Sera. Con Bellomo era imputato anche il pm Davide Nalin: assolto anche lui.

Ultime News

Articoli Correlati