Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Schettino pronto a lasciare il carcere in anticipo: archivierà gli atti di Ustica

Schettino carcere atti Ustica
L'ex comandante della Costa Concordia ha maturato il termine che gli consente di accedere a misure alternative: arrivato quasi a metà della pena potrebbe quindi accedere ai benefici previsti dalla sua attuale situazione detentiva
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

L’ex comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, che sta scontando a Rebibbia la pena di 16 anni di reclusione dopo la tragedia dell’Isola del Giglio che nel 2012 causò la morte di 32 persone, potrebbe presto uscire dal carcere e «dare il proprio contributo alle istituzioni». +

La nuova richiesta per Schettino, che da anni è impegnato in lavori socialmente utili all’interno della casa circondariale romana, è stata avanzata dalla direzione del carcere: la disposizione è quella di digitalizzare gli atti dei processi di Ustica, seduto dietro una scrivania della Discoteca di Stato. Francesco Schettino ha infatti maturato il termine che gli consente di accedere a misure alternative: arrivato quasi a metà della pena potrebbe quindi accedere ai benefici previsti dalla sua attuale situazione detentiva.

La nuova attività, che avrebbe già dovuto cominciare, è però slittata di qualche giorno, forse per problemi burocratici e se non ci saranno nuovi intoppi potrebbe partire a breve. Questo tipo di attività, assegnata a detenuti meritevoli e capaci, per rendere immateriali testimonianze e atti giudiziari fondamentali risalenti a diversi decenni fa, è già praticata da tempo in altre situazioni dalle persone ristrette. Il contenuto delle carte e delle registrazioni audio viene poi inserito nella banca dati dell’Archivio di Stato di Roma.

In una fase iniziale i detenuti “scelti” per questa attività, hanno dovuto seguire corsi di formazione e Francesco Schettino, che già da anni trascorre il suo tempo frequentando corsi universitari in legge e giornalismo, fin dallo scorso maggio 2022 ha il diritto di richiedere misure alternative alla detenzione in cella. All’ex comandante, che ha sempre difeso il suo operato, compreso l’abbandono della nave che stava affondando, è giunta adesso l’occasione di una prima nuova grande responsabilità: una nuova vita nella quale poter dare il suo contributo sottraendo all’oblio e all’usura del tempo testimonianze cruciali della storia dell’Italia.

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati