Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Mahsa Amini morta dopo l’arresto in Iran, l’Onu chiede un’indagine imparziale

Mahsa Amini arresto Iran
Nada Al-Nashif: «Le leggi sul velo obbligatorio continuano a destare preoccupazione»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

L’Alta commissaria Onu ad interim per i diritti umani, Nada Al-Nashif, ha espresso oggi «allarme per la morte in custodia di Mahsa Amini – fermata dalla cosiddetta “polizia morale” iraniana che applica le rigide regole sullo hijab – e per la violenta risposta delle forze di sicurezza alle successive proteste».

«La tragica morte di Mahsa Amini» in Iran «e le accuse di tortura e maltrattamenti devono essere oggetto di indagine in modo tempestivo, imparziale ed efficace da parte di un’autorità competente indipendente che assicuri, in particolare, che la sua famiglia abbia accesso alla giustizia e alla verità», afferma l’Alta commissaria Onu ad interim per i diritti umani, Nada Al-Nashif, che aggiunge che le leggi sul velo obbligatorio continuano a destare preoccupazione in Iran, dove apparire in pubblico senza l’hijab è punibile con la reclusione.

Ultime News

Articoli Correlati