Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Nuovo sbarco di migranti, sulla Open Arms 402 persone e un cadavere. Si cerca un porto sicuro

migranti open arms
«Per due giorni sono rimasti senz’acqua chiedendo aiuto», dice Oscar Camps, fondatore dell’ong spagnola. Diversi i casi di disidratazione. «Ancora un giorno e sarebbero morti»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ancora un soccorso nel Mediterraneo centrale. Nella notte Open Arms ha salvato in acque internazionali un barchino in difficoltà con 30 migranti. A bordo della nave umanitaria ci sono adesso 402 persone e il cadavere di un migrante recuperato nei giorni scorsi quando il team ha tratto in salvo 59 naufraghi, tra cui 6 bimbi, da una piattaforma petrolifera. Ieri mattina all’alba dell’ennesima operazione: in 294 sono stati soccorsi dopo essere rimasti quattro giorni alla deriva. Tra loro anche 49 donne e 60 bambini. «Per due giorni sono rimasti senz’acqua chiedendo aiuto», dice Oscar Camps, fondatore dell’ong spagnola. Diversi i casi di disidratazione. «Ancora un giorno e sarebbero morti».

In attesa di poter sbarcare sono anche i 398 migranti, soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo centrale dall’Humanity 1. Tre bimbi, due di diciassette mesi e uno di quattro mesi, ieri sono stati evacuati per motivi medici. «Sono indeboliti a causa della situazione stressante e della mancanza di latte in polvere adatto – spiegano dall’ong -. Le loro madri, esauste, non possono allattare al seno». La nave umanitaria si trova al largo delle coste siciliane tra Catania e Siracusa. A bordo sta per esaurirsi anche l’acqua per lavarsi. «Le malattie infettive si diffondono più facilmente. Molti stanno diventando più deboli e soffrono di dolore, mal di testa e insonnia». Sono già 16 le persone evacuate dall’Humanity 1. «La situazione resta critica – dice l’equipaggio -. Hanno bisogno di un porto di sicuro immediatamente».

Sondaggio

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati