Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Dalle videochiamate alle visite: come funziona nel resto d’Europa

carceri elezioni voti
Molti paesi europei si sono adeguati alle norme sovranazionali, mentre l’Italia è ancora indietro
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Se da noi, com’è detto, i detenuti possono telefonare ai propri cari solo 10 minuti a settimana, negli altri Paesi europei come viene gestito il diritto all’affettività? Bisogna partire dal presupposto che vigono i principi sovranazionali ai quali teoricamente si devono adeguare le singole normative di ogni Stato. Molti paesi europei l’hanno fatto, mentre l’Italia è ancora indietro.

La Raccomandazione R (2006) 2 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sulle Regole penitenziarie europee, adottate dal Consiglio dei Ministri l’ 11 gennaio 2006, al punto 24 prescrive: «I detenuti devono essere autorizzati a comunicare il più frequentemente possibile – per lettera, telefono, o altri mezzi di comunicazione – con la famiglia, con terze persone e con i rappresentanti di organismi esterni, e a ricevere visite da dette persone» e al punto 4: «Le modalità delle visite devono permettere ai detenuti di mantenere e sviluppare relazioni familiari il più possibile normali». Il 21 dicembre 2010, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato le Regole delle Nazioni Unite per il trattamento delle donne detenute e le misure non detentive per le donne autrici di reati, note come le “Regole di Bangkok” ( a riconoscimento del ruolo determinante svolto dal Regno di Thailandia nella loro elaborazione), riconoscono il ruolo centrale di entrambi i genitori nella vita del bambino. Esse contengono previsioni specifiche che riguardano i contatti con la famiglia.

In Spagna si è autorizzati a fare 5 telefonate alla settimana, senza limiti di tempo ad un massimo di 10 numeri telefonici preventivamente autorizzati. Si telefona da 2 cabine telefoniche e presso ogni sezione ci sono due cabine; l’uso di una scheda telefonica e la digitazione del numero di identificazione (NIS) dà il via libera verso i numeri di telefono autorizzati. Il Regolamento penitenziario albanese prevede otto telefonate e quattro colloqui al mese: uno dei colloqui è prolungato fino a cinque ore, per i detenuti sposati e con figli, e le visite prolungate possono essere svolte in ambienti riservati.

In Inghilterra, Galles e Scozia è stabilito un piano di assistenza finanziaria per consentire alle famiglie a basso reddito di visitare i loro parenti in carcere. Sono rimborsate le spese di viaggio, pasti e pernottamento per i coniugi, partner, ascendenti, discendenti, parenti collaterali e adottivi, le persone con le quali il detenuto viveva in un rapporto consolidato immediatamente prima della detenzione e comunque le persone che hanno in via esclusiva effettuato visite al detenuto per un periodo di quattro settimane. Sono finanziate due visite ogni 28 giorni con un massimo di 26 visite in un anno.

In Scozia, per ovviare alle difficoltà di relazioni familiari dei detenuti reclusi lontano dal loro luogo di origine è stato istituito un servizio di video- chiamata che consente visite- virtuali della durata di un’ora in aggiunta al numero di colloqui di cui il detenuto ha già usufruito.

Sondaggio

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati