Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Gas a rischio razionamento in autunno». Parola di Salvini

Il leader della Lega rompe il tabù sui rifornimenti e convoca i suoi per stilare un pacchetto di provvedimenti da presentare al governo
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Il rischio di razionamenti in autunno c’è». Il gas continua ad alimentare la campagna elettorale italiana. Mai nessuno prima d’ora – a differenza di quanto avviene da tempo in Europa – aveva parlato di rischio razionamenti delle forniture. A rompere il tabù è il leader della Lega Matteo Salvini, nel corso di un incontro a Napoli. «Se il prezzo non scende il prossimo governo dovrà razionare luce e gas a partire dalle imprese», dice l’ex ministro dell’Interno, convinto sia meglio informare gli italiani dei rischi imminenti, invece che tacerli.

«Vorrei evitarlo», aggiunge Salvini, « ma l’ha già detto Macron, e la Francia oltretutto ha decine di reattori nucleari operativi. Noi non ce li abbiamo, importiamo solo energia dall’estero, quindi se non si interviene il rischio di decidere chi si riscalda e chi no, chi accende la luce e chi no è assolutamente concreto». Il leader del Carroccio poi convoca i suoi in videoconferenza per stilare un pacchetto di provvedimenti da presentare subito a Mario Draghi. Tra le altre proposte di Salvini: «Via libera al nucleare, potenziamento e costruzione di nuovi termovalorizzatori, revisione delle politiche europee su Green Deal, ma soprattutto un Pnrr sull’energia da almeno 30 miliardi, in accordo con l’Europa, per superare l’autunno e l’inverno aiutando famiglie e imprese», si legge in un comunicato del partito. Perché «chi dice no al gas e al nucleare o è ignorante o è in malafede, sicuramente è pericoloso per l’Italia», specifica l’ex ministro dell’Interno su Twitter. Che forse dimentica che a essere ignorante, in malafede e pericoloso è il popolo italiano, che per due volte – nel 1987 e nel 2011 – ha bocciato il nucleare attraverso referendum.

Certo, rispetto all’ultima consultazione di 11 anni fa è cambiato il mondo intero e con lui probabilmente la sensibilità degli elettori, ma Salvini non può non tenere conto della volontà popolare nei suoi ragionamenti. Ma la posizione del capo della Lega su nucleare e rigassificatori è tutt’altro che isolata. A sostenere battaglie simili c’è anche Carlo Calenda che stuzzica Enrico Letta a prendere «posizione sul rigassificatore di Piombino». Dal canto suo, il segretario del Pd preferisce concentrarsi sulla necessità di un decreto che «raddoppi l’intensità del credito d’imposta» «per evitare che molte aziende chiudano. Credo ci sia un consenso largo in Parlamento, e accanto a questa misura anche il disaccoppiamento fra energie fossili e rinnovabili in termini di costi può essere fatto accelerando prima delle elezioni».

Ultime News

Articoli Correlati