Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

L’avvocato Conte: «Io difendo gli ultimi, il Pd li ha abbandonati»

Parlamento M5S Rocco Casalino
Il presidente del Movimento Cinque Stelle spiega le ragioni per le quali i grillini hanno deciso di andare da soli alle elezioni Politiche 2022
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Il Movimento Cinque Stelle nel 2018 ha preso impegni su aiuti contro la povertà, tagli ai costi della politica, norme anticorruzione. E quelle cose le abbiamo fatte». Giuseppe Conte, presidente del Movimento Cinque Stelle, in un’intervista a Quotidiano Nazionale-Il Giorno, marca la distanza con il Partito Democratico e vede «improbabile» pensare di nuovo a un’alleanza. «Il Pd – dice – ha scelto di abbandonare il percorso fatto insieme nel Conte II, abbracciando un percorso che lo allontana dagli obiettivi che noi perseguiamo della tutela dell’ambiente e della giustizia sociale».

«Vediamo oggi un’ammucchiata che va dai tagli alla scuola della Gelmini a Calenda, Letta, Di Maio, Speranza», e aggiunge: «Votare a destra vuol dire votare politiche che fanno male al Paese, votare l’ammucchiata vuol dire sprecare il voto senza sapere come verrà utilizzato». Viene chiesto a Conte se si senta il Mélenchon italiano. «Sono storie e Paesi diversi – osserva l’ex premier -. Di Mélenchon apprezzo l’attenzione per i giovani, l’impegno sulla giustizia sociale e l’ambiente. Sono anche nostre priorità». E apre al confronto con Santoro.

A Conte pare «che Fratoianni e Bonelli siano impegnati in una trattativa per allearsi con la Gelmini, che è contraria al salario minimo legale, e Calenda, che vuole riempire tutta Italia di inceneritori». Guardando in casa M5s, «Raggi sta portando avanti le battaglie del Movimento a Roma, in Consiglio comunale. Di Battista non è iscritto al Movimento: per noi è un interlocutore privilegiato. Chiara Appendino è una risorsa centrale per il M5S».

Ultime News

Articoli Correlati