Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Dimenticare l’Ucraina? Dimenticare Putin? No, puntiamo al tribunale dell’Aja

All’appello per l’incriminazione della Corte penale internazionale serve il sostegno dei cittadini
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

di GIUNTA DI RADICALI ITALIANI

Diciamolo: ogni giorno che passa la tentazione di dimenticare cosa sta accadendo in Ucraina è sempre più forte. Di fronte a un futuro incerto, alle elezioni politiche di settembre, viene solo voglia di staccare la spina e cullarsi nel dolce ritornello “tanto non si può fare niente”. Il problema è che noi possiamo dimenticarci di Putin ma Putin non si dimentica di noi.

L’ultimo zar ha iniziato la “campagna d’Italia” attaccando su più fronti: il corteggiamento serrato della Lega di Salvini e di Berlusconi, con le loro ambiguità, il loro passato filoputiniano che non passa, il loro innato istinto di suonare le corde della demagogia italiota; l’azione incessante di propaganda sui social dove, visti i tempi della competizione, si svolgerà gran parte della campagna elettorale; e il “fronte Sud”, con i primi sbarchi di migranti provenienti dalla Libia, dai territori controllati dai mercenari della Wagner, la “longa manus” di Putin dove non è opportuno mandare il suo esercito regolare.

Contro tutto questo, Radicali Italiani si batte dal 24 febbraio ( quando, in concomitanza della seconda aggressione russa all’Ucraina, tenne il suo Congresso), con le sue poche forze e mezzi, ma sapendo di avere alle spalle già 23 anni di lotta Radicale “senza se e senza ma” contro Vladimir Putin; 23 anni di vita di Radicali Italiani che corrispondono ai 23 anni di regime putiniano. L’appello “Putin all’Aja” (per l’incriminazione da parte della Corte Penale Internazionale per i crimini di guerra e contro l’umanità commessi in Ucraina) è uno strumento semplice, disponibile in nove lingue. Bisogna utilizzarlo, diffonderlo, farlo conoscere. Gli inquirenti dell’Aja e non solo stanno indagando sui crimini commessi a partire dal 2014; ma, come fu per Miloševic, serve il sostegno dei cittadini italiani, ucraini, russi, europei.

Ma non basta: in questi mesi Radicali Italiani ha incalzato senza tregua Matteo Salvini, chiedendogli conto dell’accordo da lui stipulato a Mosca nel 2017 con “Russia Unita”, il partito personale di Putin; un “patto con il diavolo” mai revocato pubblicamente. Inoltre, Radicali Italiani ha incessantemente richiesto la revoca di tutte e 30 le onorificenze della Repubblica concesse a uomini di Putin dal 2014 (ben 22 da quando Di Maio è ministro degli Esteri). A maggio ne sono state revocate solo quattro. Il nuovo Di Maio, atlantista e anti Putin, non può permettersi amnesie ed eredità vergognose. Forse, sapendo tutto questo, si rinuncerà all’allettante ma insano proposito di dimenticare l’Ucraina e Putin, e magari si sceglierà di dare forza alle battaglie radicali.

Ultime News

Articoli Correlati