Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Germania, ex guardia nazista condannata a 5 anni di carcere. Ha 101 anni

Secondo l'accusa l'uomo ha lavorato al campo di concentramento di Sachsenhausen, contribuendo all’omicidio di migliaia di prigionieri. Ma per la difesa lavorava come bracciante
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Un tribunale tedesco ha condannato a cinque anni di reclusione una ex guardia del campo di concentramento di Sachsenhausen con l’accusa di favoreggiamento nell’omicidio di migliaia di prigionieri.

Lungo tutto il processo a Brandenburg an der Havel, ad ovest di Berlino, l’imputato, che ha 101 anni, ha negato di essere stato una guardia del campo e si è dichiarato innocente. L’accusa aveva prodotto tra le altre prove documenti che identificavano una guardia delle SS naziste con il nome, la data di nascita e il luogo di nascita dell’imputato. Più di 200.000 persone furono deportate e rinchiuse nel campo di concentramento, situato vicino a Berlino, dall’estate del 1936, quando fu costruito, fino al 1945, e decine di migliaia di loro vi morirono.

Secondo l’avvocato della difesa, Stefan Waterkamp, l’uomo non era presente nel lager durante il periodo considerato dall’accusa, fra il 1942 e il 1945, ma lavorava come bracciante in una fattoria a Pasewalk, 100 km a nord est da Sachsenhausen. L’accusa si basa su documenti con il nome e la data di nascita dell’imputato per provare il suo ruolo come membro delle Ss e guardiano del campo. Sotto il controllo delle SS naziste, Sachsenhausen fu uno dei più grandi campi di concentramento in Germania. In funzione fra il 1936 e il 1945, grazie alla vicinanza a Berlino veniva utilizzato anche per addestrare dirigenti e personale di altri lager e campi di sterminio. Vi furono rinchiuse 200mila persone, la metà delle quali morirono.

Ultime News

Articoli Correlati