Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Morto Leonardo Del Vecchio, fu il fondatore di Luxottica

del vecchio
Deceduto all'ospedale "San Raffaele" di Milano, l'imprenditore italiano per anni è stato uno degli uomini più ricchi d'Italia. Il 1995 la svolta nel mercato ottico mondiale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

È morto all’ospedale San Raffaele di Milano, all’età di 87 anni, il fondatore di Luxottica e presidente di EssilorLuxottica, Leonardo Del Vecchio, insignito Cavaliere del Lavoro nel 1986. La statura di Del Vecchio, uomo più ricco d’Italia per Forbes, come imprenditore capace e “illuminato” si nutre di decisioni come quella di regalare per i suoi 80 anni 40mila azioni, dal valore complessivo di circa 9 milioni di euro, agli 8mila dipendenti italiani del gruppo. Già nel 2011 per i 50 anni di Luxottica ai dipendenti furono assegnate azioni gratuite per un valore complessivo di 7 milioni di euro.

Un capitolo a parte merita la successione ereditaria strettamente legata alla vita privata del fondatore di Luxottica che ha sei figli: Claudio (a capo del gruppo Brooks Brothers), Marisa e Paola, nati dal primo matrimonio con Luciana Nervo; Leonardo Maria, avuto con la seconda moglie Nicoletta Zampillo, dalla quale Del Vecchio si è separato ma che ha poi risposato; Luca e Clemente, nati dalla relazione con Sabina Grossi, ex investor relator del gruppo. Vero principe dell’imprenditoria italiana Leonardo Del Vecchio non lo è stato per diritto di nascita. Tutt’altro: in un paese dove il capitalismo familiare è ancora molto radicato Del Vecchio si afferma con la stoffa del self made man di stampo anglosassone.

Il fondatore di Luxottica nasce a Milano il 22 maggio del 1935 da una famiglia di origine pugliese; orfano di padre ancora molto piccolo viene affidato dalla mamma al collegio dei martinitt dove rimane fino al diploma di scuola media. All’età di 15 anni va a lavorare come garzone alla Johnson, una fabbrica produttrice di medaglie e coppe. I proprietari della fabbrica lo spingono a iscriversi ai corsi serali all’Accademia di Brera per studiare design e incisione. Del Vecchio lascia la fabbrica dove ha imparato il mestiere e ha scoperto la sua passione del “creare” e apre una piccola bottega a Agordo, in provincia di Belluno. Nel giro di soli tre anni la bottega diventa Luxottica, produttrice di semilavorati per altri produttori che poi assemblano gli occhiali finiti, con 14 dipendenti e ben presto un’ottima fama. Nel 1967 Del Vecchio decide di fare il grande passo e comincia a produrre la propria linea di occhiali con il marchio Luxottica: il business cresce sempre di più e si amplia nel mercato Usa.

Dal 1995 Luxottica è il maggior produttore e distributore sul mercato ottico mondiale (marchi di culto come i Ray Ban fanno capo al gruppo): arriva prima la quotazione a New York poi nel dicembre 2000 a Milano. Via via fino alla fusione con la francese Exilor che porta il gruppo verticalmente integrato al top del settore a livello globale.

Addio a Del Vecchio, il cordoglio del sindaco di Milano

«Con la scomparsa di Leonardo del Vecchio, Milano perde una delle figure più emblematiche della sua storia recente». Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala commenta su Twitter la morte del fondatore di Luxottica e presidente di EssilorLuxottica, Leonardo Del Vecchio. «Il valore fondante di Milano è il lavoro e Leonardo del Vecchio vi ha speso tutta l’esistenza, fino all’ultimo suo istante», aggiunge il primo cittadino.

Ultime News

Articoli Correlati