Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Vi spiego perché il pacifismo di sinistra è un errore fatale

La sfida del filosofo sloveno Slavoj Žižek, che mette sotto accusa il "neutralismo" della sinistra
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Per me Imagine di John Lennon è sempre stata una canzone popolare per le ragioni sbagliate. Immaginare che “il mondo sarà un’unica cosa” è il modo migliore per finire all’inferno. Chi si aggrappa al pacifismo di fronte all’attacco russo all’Ucraina rimane intrappolato in questo modo di “immaginare”.

Immaginate un mondo in cui le tensioni non si risolvono più attraverso i conflitti armati… L’Europa ha persistito a “immaginarla” così, ignorando la brutale realtà al di fuori dei suoi confini. Ora è il momento di svegliarsi. Non c’è più bisogno di leggere tra le righe quando Putin si paragona a Pietro il Grande: «A prima vista era in guerra con la Svezia per portarle via qualcosa… Non portava via niente, tornava… Stava tornando per rafforzarsi, questo è quello che stava facendo… Chiaramente, è toccato a noi tornare e rafforzare anche noi».

Più che concentrarsi su questioni particolari ( la Russia sta davvero solo “tornando” e verso qualcosa?) dovremmo leggere attentamente il modo in cui Putin giustifica la sua affermazione: «Per rivendicare una sorta di leadership globale qualsiasi gruppo etnico dovrebbe garantire la propria sovranità. Perché non esiste uno stato intermedio, né intermedio: o un paese è sovrano, o è una colonia, e non importa come vengono chiamate le colonie».

L’implicazione di queste righe, come ha affermato un commentatore, è chiara: ci sono due categorie di stat nella visione imperiale di Putin: “Il sovrano e lo sconfitto”. L’Ucraina deve rientrare in quest’ultima categoria. Ed è chiaro che anche Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Finlandia, Stati baltici… e in definitiva la stessa Europa dovono appartenere a questa categoria. Noi sappiamo benissimo cosa vuol dire permettere a Putin di “salvare la faccia”, non si tratta di piccole concessioni territoriali in Donbass ma di accettare le sue ambizioni imperialiste.

Il motivo per cui queste ambizioni dovrebbero essere respinte è che nel mondo globale di oggi in cui siamo tutti perseguitati dalle stesse catastrofi siamo tutti “nel mezzo”, in uno stadio intermedio, né sovrani né conquistati: insistere sulla piena sovranità di fronte al riscaldamento globale è pura follia poiché la nostra stessa sopravvivenza dipende da una stretta cooperazione globale. Ma la Russia non ignora semplicemente il riscaldamento globale: perché era così arrabbiata con i paesi scandinavi quando hanno espresso la loro intenzione di aderire alla Nato? Con il riscaldamento globale, la posta in gioco è il controllo del passaggio artico. (Ecco perché Trump voleva acquistare la Groenlandia dalla Danimarca.)

A causa dello sviluppo esplosivo di Cina, Giappone e Corea del Sud, la principale via di trasporto correrà a nord della Russia e della Scandinavia. Il piano strategico della Russia è trarre profitto dal riscaldamento globale: controllare la principale via di trasporto mondiale, oltre a sviluppare la Siberia e controllare l’Ucraina. In questo modo, la Russia dominerà la produzione alimentare da poter ricattare il mondo intero. Questa è la realtà economica sottostante al sogno imperiale di Putin.

Chi sostiene di far pressione sull’Ucraina per costringerla a negoziare e ad accettare dolorose rinunce territoriali, ama ripetere che Kiev semplicemente non può vincere la guerra contro la Russia. Vero, ma vedo proprio in questo la grandezza della resistenza ucraina: hanno rischiato l’impossibile, sfidando calcoli pragmatici, e il minimo che gli dobbiamo è il pieno sostegno, e per fare questo abbiamo bisogno di una Nato più forte, ma non come un prolungamento della politica statunitense.

La strategia di Washington per contrastare l’Europa è tutt’altro che scontata: non solo l’Ucraina, l’Ue stessa sta diventando il terreno della guerra per procura tra Stati Uniti e Russia, che potrebbe sfociare in un compromesso tra i due a spese dell’Europa. Ci sono solo due modi per l’Europa di uscire da questo terreno: giocare al gioco della neutralità – una scorciatoia per la catastrofe – o diventare un agente autonomo. ( Pensa a come potrebbe cambiare la situazione se Trump rivincesse le elezioni americane.)

Mentre alcuni esponenti di sinistra affermano che la guerra in corso è nell’interesse del complesso industriale- militare della Nato, che sfrutta la necessità di nuove armi per evitare crisi e ottenere nuovi profitti, il loro vero messaggio all’Ucraina è: «OK, siete vittime di una brutale aggressione, ma non affidatevi alle nostre armi perché così si aiuta l complesso industriale- militare… Lo smarrimento causato dalla guerra sta producendo strani compagni di letto come Henry Kissinger e Noam Chomsky che vengono da estremi opposti dello spettro politico – Kissinger in segretario di stato sotto i presidenti repubblicani e Chomsky uno dei principali intellettuali di sinistra negli Usa – che si sono scontrati spesso. Ma di fronte all’ invasione russa sostengono che Kiev debba abbandonare le pretese sui suoi territori «per raggiungere la pace».

L’idea più folle che circola in questi giorni è che, per contrastare la nuova polarità tra Stati Uniti e Cina ( che rappresentano gli eccessi del liberalismo occidentale e dell’autoritarismo orientale), Europa e Russia dovrebbero riunire le forze e formare un terzo blocco ‘ eurasiatico’ basato su l’eredità cristiana purificata dal suo eccesso liberale. L’idea stessa di una terza via ‘ eurasiatica’ è un’ odierna forma di fascismo.

Ciò che è assolutamente inaccettabile per una vera sinistra oggi non è solo sostenere la Russia, ma anche esibire una più modesta neutralità che sia divisa tra “pacifisti” e sostenitori dell’Ucraina, e che si debba trattare questa divisione come un fatto minore. Se la sinistra fallisce qui, il gioco è finito. Questo significa che dovrebbe schierarsi dalla parte dell’occidente, inclusi i fondamentalisti di destra che sostengono l’Ucraina?

L’Ucraina afferma di combattere per l’Europa e la Russia afferma di combattere per il resto del mondo contro l’egemonia unipolare occidentale. Entrambe le affermazioni dovrebbero essere respinte, e qui entra in scena la differenza tra destra e sinistra.

Dal punto di vista di destra, l’Ucraina combatte per i valori europei contro gli autoritari non europei; dal punto di vista di sinistra, l’Ucraina combatte per la libertà globale, inclusa la libertà degli stessi russi. Ecco perché il cuore di ogni vero patriota russo dovrebbe battere per l’Ucraina.

Slavoj Žižek, The Guardian

 

Ultime News

Articoli Correlati