Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Guerra in Ucraina, la Russia abbatte tre missili di Kiev. A Severodonetsk si combatte per strada

guerra ucraina severodonetsk
Nel frattempo il presidente Zelensky accusa Mosca di non favorire la circolazione navale nel Mar Nero
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Nelle ultime 24 ore i sistemi di difesa aerea russi hanno abbattuto due Mig-29 e un Sukhoi Su-25 dell’aviazione ucraina, secondo quanto riferisce il ministero della Difesa russo. I Mig-29 sono stati abbattuti nella regione di Mykolaiv e l’Su-25 in quella di Kharkiv, ha precisato il portavoce del dicastero, Igor Konashenkov. Inoltre, missili russi ad alta precisione hanno distrutto una «base di mercenari stranieri» nella regione di Kharkiv.

Zelensky attacca (di nuovo) la Russia

La Russia «impedisce la libertà di navigazione e sta sabotando i porti del Mar Nero». Lo afferma il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in video-collegamento con il vertice sulla sicurezza IISS Shangri-La Dialogue in corso a Singapore. Mosca «quest’anno aveva già lanciato iniziative per ostacolare la navigazione nel Mar Nero», ha detto Zelensy, sottolineando che la navigazione è «un valore molto caro» a Singapore.

Ucraina, a Severodonetsk si combatte per strada

Le forze russe posizionate intorno alla città ucraina di Severodonetsk «non sono avanzate nel sud della città». A dichiararlo è oggi il Ministero della Difesa britannico, aggiornando i dati di intelligence in merito alla situazione sul terreno. La città – una delle ultime parti della regione di Luhansk ancora sotto controllo ucraino – è stata duramente contesa nelle ultime settimane. «Sono in corso intensi combattimenti strada per strada ed entrambe le parti stanno probabilmente subendo un numero elevato di vittime. La Russia – aggiunge il documento – sta ammassando artiglieria e supporto aereo, nel tentativo di sopraffare le difese ucraine».

Mosca, secondo le stesso rapporto, sta utilizzando missili anti-nave da 5,5 tonnellate degli anni Sessanta contro obiettivi terrestri. «Se usati per un attacco a terra con testata convenzionale, sono altamente imprecisi e possono quindi causare danni collaterali significativi e vittime civili», sottolinea il rapporto, concludendo che «la Russia sta probabilmente ricorrendo a sistemi d’arma così inefficienti perché a corto di missili moderni più precisi, mentre le difese aeree ucraine svolgono un ruolo di dissuasione contro possibili attacchi ad opera di velivoli tattici in gran parte del paese».

Ultime News

Articoli Correlati