Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Bombardati e distrutti due ospedali nell’Ucraina orientale. E Zelensky annuncia il libro degli orrori

guerra ucraina ospedali
Sul tetto della struttura ospedaliera di Severodonetsk era stata dipinta una grande croce rossa. Nel sud di Rubizhne oltre all'ospedale sono stati rasi al suolo anche un'azienda farmaceutica e gli edifici circostanti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Due ospedali sono stati distrutti dai bombardamenti russi a Severodonetsk e Rubizhne, nell’Ucraina orientale, come mostrano le nuove immagini satellitari scattate da Maxar Technologies e pubblicate dalla Cnn. Sul tetto della struttura ospedaliera di Severodonetsk era stata dipinta una grande croce rossa. Nel sud di Rubizhne oltre all’ospedale sono stati rasi al suolo anche un’azienda farmaceutica e gli edifici circostanti.

Zelensky annuncia il libro degli orrori

«Il libro dei carnefici». Passati più di 100 giorni dall’invasione russa dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky ha annunciato che «la prossima settimana, è previsto il lancio di un “Libro dei carnefici” speciale, un sistema informatico che raccoglie dati confermati su criminali di guerra e criminali dell’esercito russo». «Ho ribadito più volte che saranno tutti chiamati a rispondere delle loro azioni», ha detto nel discorso diffuso nelle ultime ore dalla presidenza ucraina, aggiungendo che «ci stiamo avvicinando a questo obiettivo passo dopo passo», mentre – secondo Zelensky – «più di 31.000 soldati russi sono morti in Ucraina» dal 24 febbraio scorso, quasi «300 vite al giorno per una guerra assolutamente senza senso» e, «arriverà il giorno in cui il numero di perdite, anche per la Russia, supererà il limite tollerato».

Sul «”Libro dei carnefici”, Zelensky ha detto che si tratta «di fatti circostanziati riguardo persone precise che sono colpevoli di crimini violenti specifici contro gli ucraini». Il presidente ha parlato di «responsabilità non solo degli autori diretti dei crimini, soldati dell’esercito di occupazione, ma anche dei loro comandanti». «Quelli che hanno dato gli ordini, quelli che hanno reso possibile tutto ciò che hanno fatto in Ucraina. A Bucha, a Mariupol, in tutte le nostre città, in tutte le località in cui sono arrivati – ha detto – Tutti saranno assicurati alla giustizia».  Intanto, ha detto, «stiamo lavorando per raccogliere fondi per sostenere il nostro esercito e ricostruire l’Ucraina dopo le ostilità», anche con «la piattaforma United24», sottolineando che la tennista Elina Svitolina, nuova «ambasciatrice di United24» lavorerà con Andriy Shevchenko, «primo ambasciatore di United24, per attrarre altro sostegno per il nostro Paese».

Ultime News

Articoli Correlati