Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Papa Francesco: «In Ucraina si mettano in atto negoziati veri»

Papa Francesco
L'appello di papa Francesco durante l’Angelus domenicale celebrato in piazza San Pietro in Vaticano a 100 giorno dall'inizio dell'aggressione
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«A 100 giorni dall’inizio dell’aggressione armata all’Ucraina, sull’umanità è calato nuovamente l’incubo della guerra che è la negazione del sogno di Dio». Lo ha detto Papa Francesco dopo la recita del Regina Coeli a piazza San Pietro. «Si mettano in atto veri negoziati e concrete trattative per un cessate il fuoco e per una soluzione sostenibile – ha ammonito il Santo Padre – si ascolti il grido disperato della gente che soffre. Lo vediamo sui media tutti i giorni, si abbia rispetto della vita umana, si fermi la macabra distruzione di città, villaggi, dappertutto, continuiamo per favore a pregare e impegnarci per la pace senza stancarci».

«Popoli che si scontrano, uccidono, gente che viene allontanata dalle proprie case. E mentre la furia della distruzione imperversa e le contrapposizioni divampano alimentando un’escalation sempre più pericolosa per tutti, rinnovo l’appello ai responsabili delle nazioni: non portate l’umanità alla rovina, per favore» ha sottolineato il Santo Padre -.

Il pensiero del Pontefice è andato anche allo Yemen che  ha accolto con grande favore il rinnovo della tregua, sottolineando come questo passo rappresenti «un segno di speranza» e un «ulteriore passo per mettere la parola fine la sanguinoso conflitto che ha generato una delle peggiori crisi umanitarie del mondo».

Ultime News

Articoli Correlati