Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Renzi vuole abolire il Reddito di cittadinanza. Il M5S: «Robin Hood al contrario»

Matteo Renzi Italia viva
Italia viva pronta a raccogliere le firme per cancellare il sostegno alle fasce più povere voluto dal Movimento Cinque Stelle. Che ora parte all'attacco dell'ex premier
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dal 15 giugno Italia Viva raccoglierà le firme per abolire il reddito di cittadinanza. In un post sui social Matteo Renzi scrive: «Vogliamo abolire il reddito di cittadinanza e come previsto dalla legge dal 15 giugno partirà la raccolta ufficiale di firme. Ma vogliamo soprattutto cambiare il mondo del lavoro per i più giovani. Ne parliamo stasera al Talent Garden di Roma e su Radio Leopolda».

«Nonostante la pandemia, la guerra e la crisi energetica, Italia Viva lancia una raccolta firme per togliere il Reddito di cittadinanza ai poveri. I milionari non si toccano, ma chi prende 700 euro al mese va stangato. Il solito Robin Hood al contrario. Il neo-rinascimento italo-arabo secondo i renziani», replica via Twitter il sottosegretario M5S all’Interno, Carlo Sibilia. Dichiarazione poi rilanciata dall’ex premier Giuseppe Conte che ha criticato anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia.

«Il paese è allo stremo, fiaccato da due emergenze senza precedenti, ma per alcuni politici, come Renzi, la soluzione è quella di abolire il reddito di cittadinanza. Non si riesce davvero a comprendere come, a fronte di tutti gli sprechi ad oggi esistenti, si voglia andare a togliere un sostentamento economico essenziale a chi non ha nulla. Spiace constatare poi che questa proposta sia particolarmente gettonata tra quei politici di professione che non hanno lavorato un giorno in vita loro e non possono immaginare cosa significhi vivere con meno di 700 euro al mese», scrive in una nota il senatore del MoVimento 5 Stelle, Gabriele Lanzi.

Ultime News

Articoli Correlati