Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Eurovision 2022, Ucraina vince con la Kalush Orchestra

(Adnkronos) - L'Ucraina vince l'Eurovision Song Contest 2022. La Kalush Orchestra con 'Stefania' ha ottenuto 631 voti, di cui ben 440 ricevuti con il televoto degli spettatori europei. All'Italia non è bastato invece il televoto: Mahmood e Blanco con ‘Brividi’ si sono classificati al sesto [...]
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

(Adnkronos) – L’Ucraina vince l’Eurovision Song Contest 2022. La Kalush Orchestra con ‘Stefania’ ha ottenuto 631 voti, di cui ben 440 ricevuti con il televoto degli spettatori europei. All’Italia non è bastato invece il televoto: Mahmood e Blanco con ‘Brividi’ si sono classificati al sesto posto. Il duo vincitore del festival di Sanremo ha ricevuto tra giuria e televoto 268 consensi.
“Slava Ukraini, Gloria all’Ucraina”. Così la Kalush Orchestra sul palco del Palaolimpico quando ha ricevuto il premio per Eurovision Song Contest con la canzone Stefania.
Mahmood e Blanco
In occasione della finale della kermesse, i vincitori di Sanremo hanno presentato una versione rinnovata di ‘Brividi’ di grande impatto emotivo e scenografico. Mahmood è entrato in scena per primo, in look total black, attaccando il brano a cappella, raggiunto dopo le prime parole da Blanco in completo bianco con ricami argento. Gran finale con dialogo occhi negli occhi che si è chiuso con un abbraccio. Accolto da grandissimi applausi in platea.
Dopo due semifinali seguite da oltre 5 milioni di telespettatori, la finale dell’Eurovision Song Contest 2022 si è aperta con un’invocazione di pace. A dare il via alla kermesse l’opening act di Rocking 1000 con ‘Give peace a chance’ di John Lennon registrata in piazza San Carlo. Subito dopo è stata la volta di Laura Pausini con un medley dei suoi successi, tra cui ‘Io canto’ e ‘La solitudine’ e il suo ultimo singolo ‘Scatola’.
Kalush Orchestra
Appello della Kalush Orchestra per l’Ucraina e per Mariupol al termine della loro performance. Preceduta nel pomeriggio da un appello video del presidente Zelensky al pubblico europeo a votare per la band ucraina (nessun Paese può votare per il proprio candidato all’Eurovision Song Contest), l’esibizione dei concorrenti ucraini sulle note tra folk e hip hop del brano ‘Stefania’, diventato una sorta di inno per la madre patria nei giorni della guerra contro l’invasione russa, è stata applauditissima. L’Ucraina ha già vinto due volte l’Eurovision (nel 2004 e nel 2016).
Ma l’appello della Kalush Orchestra ha violato il regolamento dell’Eurovision? Lo ipotizzano diversi commentatori in rete citando il divieto di messaggi politici da parte dei concorrenti sul palco della manifestazione. Ma difficilmente l’appello dei concorrenti ucraini verrà considerato punibile, per il confine di difficile definizione tra appello politico e appello umanitario. Il dibattito si accende sul web, in atteso del verdetto sul vincitore.
Maneskin
Tifo da stadio per i Maneskin. Con il nuovo singolo ‘Supermodel’ e una sorprendente versione di ‘If I can dream’ di Elvis Presley, la band romana si è goduta al Palaolimpico di Torino, che è esploso in un tifo da stadio, la consacrazione internazionale partita proprio dall’Eurovision Song Contest dello scorso anno, dove trionfarono con ‘Zitti e buoni’. La platea esplode al ritmo della loro performance.
Gigliola Cinquetti
Gigliola Cinquetti è tornata sul palco dell’Eurovision. La cantante 74enne, che a soli 16 anni vinse nel 1964 sia Sanremo che Eurofestival, dopo quasi 60 anni ha incantato il pubblico con la stessa canzone. Grandi applausi per lei e la sua eleganza sobria.

Ultime News

Articoli Correlati