Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Cognome materno al figlio, il primo caso a Pesaro

Dopo la sentenza della Consulta sul cognome paterno, il tribunale di Pesaro ha accolto il ricorso di una mamma e ordinato la modifica dello stato di nascita
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Senza attendere la pubblicazione della sentenza Corte Costituzionale, ma citando le indicazioni formulate mercoledì scorso e recependole a pieno, il tribunale di Pesaro, in posizione collegiale e a firma del giudice Davide Storti, ha accolto il ricorso presentato da una mamma residente nella provincia di Pesaro-Urbino per vedere riconosciuta l’assegnazione del suo cognome alla figlia minorenne.

La donna si era rivolta poco più di due mesi fa agli avvocati Andrea Nobili e Bernardi Becci, dello studio NBBZ di Ancona, dopo che il padre della ragazzina si era fermamente opposto alla richiesta. La coppia vive in una situazione di conflittualità: i due non erano spostati, ma la loro storia era finita da tempo e la minorenne vive con la mamma. «Abbiamo presentato il ricorso sulla base di un precedente e chiaro orientamento della Suprema Corte – ha spiegato all’AGI l’avvocato Nobili – e il tribunale di Pesaro, già ieri, richiamando le conclusioni della sentenza del giorno prima, ha emesso il provvedimento che è stato depositato oggi». Si tratta della prima decisione di questo tipo in Italia: il tribunale di Pesaro ha ordinato all’ufficiale dello stato civile del comune dove risiede la minorenne la modifica dello stato di nascita, aggiungendo il cognome materno.

Ultime News

Articoli Correlati