Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Cari pacifisti, senza armi Kiev sarebbe già un’enorme fossa comune

Agli apostoli del disarmo unilaterale e della resa senza condizioni sembra sfuggire che le “sporche armi” occidentali hanno già salvato il popolo ucraino dall’ennesimo massacro
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

C’è un piccolo particolare che sembra sfuggire agli apostoli del disarmo unilaterale e della resa senza condizioni: se gli ucraini fossero rimasti a mani nude e senza le “sporche armi” occidentali, a quest’ora l’esercito russo starebbe già marciando e bivaccando lungo i viali alberati di Kiev, e il “caro Putin” sarebbe in posa sotto il monumento dell’amicizia russo-ucraina, citazione oscena del fotoritratto di Hitler intento a osservare compiaciuto la tour Eiffel nei giorni del Blitzkrieg tedesco.

Insomma, Kiev sarebbe una enorme Bucha, gli ucraini sarebbero impegnati a scavare l’ennesima fossa comune e noi staremo a gingillarsi con la nostra buona coscienza o, al meglio, a fare i conti col nostro egoismo. Insomma, chi invoca la resa e lo stop all’invio di armi, ignora il fatto che quelle stesse armi hanno già salvato il popolo ucraino dall’ennesimo massacro.

Ultime News

Articoli Correlati