Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«I giovani si proteggano da Omicron con la dose booster»

Omicron
L'infettivologo Massimo Andreoni lancia un appello ai giovani, affinché si vaccinino contro la variante Omicron. «Oggi è la fascia d'età più colpita»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«La dose booster deve essere fatta anche dai più giovani che hanno fatto le due dosi e non solo dagli anziani e dai fragili. I dati sul richiamo ci testimoniano l’efficacia del booster contro Omicron perché evita le ospedalizzazioni e le malattie gravi ma è molto contagiosa. Lo vedo da quello che avviene in ospedale, Omicron è meno patogena di Delta ma se non hai fatto il booster riesce a insinuarsi e in molti soggetti. magari con patologie pregresse, può creare dei problemi». Lo ricorda all’Adnkronos Salute Massimo Andreoni, primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), commentando gli ultimi dati diffusi dall’istituto superiore della sanità (Iss), dove si vede che il booster incide sugli over 80 riducendo decessi, ricoveri in terapia intensiva, ospedalizzazioni e positività. Lo stesso non avviene per le altre fasce di età, dove addirittura si registra un incremento per le fasce di età più giovani 12-39; 40-59 di contagi, ospedalizzazioni, terapie intensive e decessi.

Ultime News

Articoli Correlati