Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Avvocati in pericolo l’allarme è globale: quest’anno il focus è sulla Colombia

avvocati
Dalla firma dell'accordo di pace con le Farc del 2016, sono 1251 gli avvocati assassinati in Colombia. Storie di violenze contro i difensori dei diritti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Fin dal 2009, la Giornata dell’avvocato in pericolo si tiene il 24 gennaio in tutto il mondo per ricordare il massacro di Atocha, a Madrid, del 24 gennaio 1977, in cui furono uccisi 5 avvocati esperti di diritto del lavoro, nel periodo di transizione tra la dittatura franchista e la democrazia. L’obiettivo di questa giornata è di portare all’attenzione della società civile e delle pubbliche autorità la situazione degli avvocati in un determinato paese, al fine di far conoscere i rischi che affrontano nell’esercizio della professione.

Dopo Iran, Turchia, Filippine, Paesi baschi, Honduras, Cina Egitto, Pakistan e Azerbaijan quest’anno l’iniziativa è dedicata alla Colombia, dove la persecuzione degli avvocati, specialmente quelli che si dedicano alla difesa e alla protezione dei diritti umani, impedisce loro di esercitare liberamente la professione. Un contesto particolarmente ostile al diritto alla difesa quello colombiano dove gli accordi di pace tra il governo e la guerriglia non hanno fermato le violenze di paramilitari e narcotrafficanti e dove lo Stato partecipa attivamente alla repressione, in particolare delle lotte a favore delle comunità indigene e del movimento sindacale, sono centinaia gli avvocati arrestati o incriminati dalle autorità, spesso associati ai loro clienti e accusati di “eversione” o “terrorismo”.

Per non parlare delle sparizioni e delle uccisioni; gli oltre 300mila colleghi colombiani peraltro non hanno un’istituzione ufficiale professionale per sostenere e garantire l’esercizio della loro professione. La Giornata è promossa dall’’ Osservatorio Internazionale degli Avvocati in Pericolo (OIAD) nato su spinta del Consiglio Nazionale degli Avvocati Francesi, del Consiglio Nazionale Forense italiano, del Consejo General de la Abogacía Española e dell’Ordine degli avvocati di Parigi. Fondato nel 2015, l’obiettivo dell’OIAD è quello di difendere gli avvocati minacciati nell’esercizio della loro professione e di denunciare le situazioni che violano i diritti della difesa troppo frequenti nel mondo.

Ultime News

Articoli Correlati