Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

No vax, il post choc della vicequestore Schilirò con la foto di Norimberga

La poliziotta no vax pubblica su Facebook una locandina con la condanna a morte nell’ottobre del 1946 di Karl Brandt dal Tribunale di Norimberga: «Esiste una giustizia inesorabile»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Con un post sulla sua pagina Facebook dove pubblica una locandina con la condanna a morte nell’ottobre del 1946 di Karl Brandt dal Tribunale di Norimberga per aver somministrato farmaci contro la volontà del soggetto e aver compiuto così un «crimine contro l’umanità», Alessandra Schilirò, la poliziotta no vax è tornata alla sua battaglia contro l’obbligatorietà del vaccino anti Covid-19: «Ricordiamolo a tutti – scrive – soprattutto a coloro che si illudono di farla franca. Vi è una giustizia inesorabile che, per fortuna, non appartiene agli uomini, troppe volte indegni della vita concessa».

La vice questore, leader delle piazze no vax e parte della Commissione contro il green pass fondata da Freccero, Agamben&Co, era stata sospesa in via cautelativa dal servizio e dalle funzioni dopo aver rifiutato il vaccino. Dopo aver contratto il virus, aveva quindi promesso che sarebbe tornata a dare battaglia contro la «dittatura sanitaria». E così è stato. Difatti Schilirò è tra i volti più noti di quanti hanno raggiunto la “resistenza”: il movimento nato ufficialmente ieri a Torino, che fa capo al docente di diritto civile ed ex candidato sindaco Ugo Mattei. «La dittatura del Super Green Pass non va paragonata al nazismo. Andiamo più indietro, a duemila anni fa: Gesù fu condannato a morire sulla croce perché ha avuto il coraggio di manifestare il proprio pensiero», aveva detto Schilirò in occasione della presentazione della Commissione.

Ultime News

Articoli Correlati