Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Covid in carcere, record di detenuti positivi in Lombardia

Covid
Circa 1700 i positivi nell’ultima settimana: 876 tra gli agenti penitenziari, 48 del personale amministrativo e 804 tra i detenuti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Circa 1700 i positivi nell’ultima settimana: 876 tra gli agenti penitenziari, 48 del personale amministrativo e 804 tra i detenuti. Aumentano i focolai da covid 19 in diversi penitenziari della penisola. A lanciare l’allarme sono i sindacati della polizia penitenziaria.Denuncia il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria (Spp), Aldo Di Giacomo: “La diffusione del Covid nelle carceri ormai ha raggiunto una media del 40% a settimana: secondo i dati di fonte del ministero, nell’ultima settimana sono 876 i positivi tra agenti penitenziari (860 con degenza a domicilio), a cui aggiungere 48 del personale amministrativo e 804 tra i detenuti. In un mese i contagi nelle carceri, sicuramente anche per effetto della nuova variante, hanno raggiunto l’incremento del 120%. I focolai più numerosi in atto sono la riprova che specie negli istituti del Nord la diffusione è più rapida rispetto a quelli del centro-sud”.  E aggiunge: “La preoccupazione tra il personale, le famiglie, i detenuti è altissima aggravando la situazione del controllo degli istituti per il numero ridotto di agenti in servizio. I dati ufficiali di fonte ministeriale purtroppo sono parziali e arrivano in ritardo rispetto alla realtà che segna un trend di contagi in forte aumento in queste festività natalizie e destinato dunque ad avere conseguenze impattanti sulla gestione delle carceri. Sminuire o nascondere la verità può solo portare ad un’ulteriore sottovalutazione e a complicare le problematiche esistenti”.

Il segretario del Sindacato Penitenziari rinnova l’appello ai Ministri alla Salute e di Grazia e Giustizia perché nella circolare (ministro Speranza) si prevede la somministrazione della dose booster anche alla fascia d’età tra 40 e 59 anni – dopo almeno 5 mesi dal completamento del ciclo primario – “in considerazione dell’aumentata circolazione del virus SarsCoV2, che ha determinato un incremento dell’incidenza di nuove infezioni”, ma non c’è indicazione sulle priorità che riguardano agenti e detenuti.

De Fazio (Uilpa Pp): “Si aggiorni il protocollo sanitario e intervenga il governo”

Stesso allarme arriva da Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria, che afferma: “Complice la variante Omicron, dilagano i contagi da Covid-19 nel Paese e nelle carceri, con focolai di vastissime proporzioni, come presso la Casa Circondariale di Verona, dove secondo le nostre informazioni sarebbero circa 140 fra i reclusi e una trentina fra la Polizia penitenziaria gli affetti da Coronavirus”. De Fazio aggiunge che nonostante ciò “nelle carceri si continua a combattere il nemico invisibile che ha potenziato enormemente le proprie armi con strumenti divenuti ormai inefficaci, come fossimo difronte alla prima sequenza del virus isolata a Wuhan. Difatti, mentre per contrastare l’eccezionale virulenza della nuova variante della SARS-CoV-2 il Governo, con il decreto festività, ha varato nuove misure per stadi, cinema, teatri, trasporti, etc., conclamando la sostanziale inerzia in tema di politiche penitenziarie, nulla ha sinora previsto per le carceri, al di là di un obbligo vaccinale per gli operatori, la cui efficacia contro la variante Omicron sembra peraltro ridotta”.

Continua il segretario generale della Uilpa: “ Non è richiesto green pass (neppure quello semplice) a utenza e visitatori, fra cui detenuti e rispettivi familiari che si recano a colloquio, avvocati, etc… e non vi è dotazione di mascherine FFP2, le quali non sono obbligatorie; insomma, niente di niente. Per tali ragioni, nella mattinata odierna abbiamo indirizzato una nota al Direttore generale del personale, Parisi, e per conoscenza, oltre che ai Capi di Dap e DGMC, Petralia e Tuccillo, anche ai ministri della Salute e della Giustizia, Speranza e Cartabia, con la quale abbiamo richiesto l’aggiornamento del ‘Protocollo Quadro per la Prevenzione e la Sicurezza nei luoghi di lavoro in ordine all’emergenza sanitaria da Covid–19’ risalente al 23 ottobre 2020”.Conclude: “Auspichiamo che il Governo, nella riunione del Consiglio dei Ministri prevista per oggi, vari specifici provvedimenti in tal senso e, non ultimo, che si appresti a promuovere un pacchetto di norme specifiche per affrontare la complessiva emergenza penitenziaria, che è ormai di dimensioni straripanti”.

Report Dap: Lombardia record di detenuti positivi

È la Lombardia la regione d’Italia ad avere il numero più alto di detenuti positivi: 196 dei quali 68 solo nella casa di reclusione di Opera e 45 a Bollate. Seguono Milano San Vittore con 35 casi, 6 dei quali con sintomi, Monza con 20, Brescia e Busto Arsizio con 8 e Bergamo con 7, un contagiato rispettivamente nella casa circondariale di Como, in quella di Mantova e a Voghera, due a Pavia. Nessun positivo negli altri istituti penitenziari della regione. Nessun caso nelle carceri della Basilicata, Matera, Melfi e Potenza, e nessuno in quelle del Molise. Due i detenuti contagiati dal Covid-19 in tutto l’Abruzzo: 1 a Pescara e 1 a Vasto su otto penitenziari. Sono appena 5, invece, i detenuti positivi nelle dieci carceri della Sardegna: 1 a Cagliari, Lanusei, Mamone, Nuoro e Sassari, nessun caso ad Alghero, Arenas, Isili, Oristano e Tempio Pausania. Otto in Puglia, la metà dei quali nella casa circondariale di Taranto, 2 a Lecce, 1 a Foggia e a Brindisi. Dieci in tutto il Lazio, tre dei quali a Regina Coeli.

Ultime News

Articoli Correlati